Prima morte da eroina sintetica in Italia, non senza polemiche. “Dopo 18 mesi dall’evento, il sistema di allerta ‘precoce'” dell’Istituto superiore di sanità “ci allerta ‘precocemente’ del primo decesso per derivati fentanilici non farmaceutici (ocfentanil) documentato in Italia. Avvenuto nell’aprile 2017 a Milano e probabilmente non riportato o poco riportato dai media, tanto da essere sfuggito a GeOverdose, coinvolge un maschio 39enne trovato morto con parafernalia da iniezione. Pare fosse in trattamento con buprenorfina ma non sappiamo né la dose né la compliance”. E’ quanto riporta il blog ‘Dedizioni’ della Società italiana tossicodipendenze (Sitd), in merito al primo caso di morte per eroina ‘sintetica’.

“Il fatto che il malcapitato fosse in trattamento con buprenorfina (ma non sappiamo quanta e se effettivamente la prendesse) – riporta ancora il sito – induce a ipotizzare che l’ocfentanil, superagonista oppioide, forse abbia potuto agire nonostante il blocco recettoriale indotto dal farmaco. I dati forniti dal sistema di allerta non includono la presenza e la concentrazione della buprenorfina nel siero e negli organi del morto, una manchevolezza assolutamente evidente per un clinico, e credo anche per un forense. Dalla foto diffusa, non ideale, l’ocfentanil aveva una vaga apparenza da eroina marrone/gialla; dalle analisi risultava al 2.5%, tagliato come l’eroina con paracetamolo e caffeina”.

“È ipotizzabile – si legge ancora su ‘Dedizioni’ nell’articolo a firma del farmacologo Ernesto de Bernardis – che il malcapitato l’abbia acquistato come eroina ‘buona’. Noi addetti ai lavori siamo stati avvertiti oggi”, scriveva ieri la società scientifica, “quindi con un anno e mezzo di ritardo. Avremmo dovuto saperlo prima per avvisare i consumatori dei rischi legati alla presenza nel mercato italiano di questi derivati sintetici molto più potenti dell’eroina, e quindi con rischio molto maggiore di overdose e decesso. Invece no. Un anno e mezzo”.

“E c’è ancora – polemizza – l’avvertimento di divieto di pubblicazione su web, che fa del nostro sistema di allerta ‘precoce’ un sistema di allerta inutile. Questa è una scelta che si assume responsabilità molto gravi di cui forse qualcuno un giorno chiederà conto. Non abbiamo a oggi neppure idea di quanti decessi da fentanili non farmaceutici siano avvenuti nel frattempo in questo anno e mezzo. Sembra difficile immaginare che si trattasse di un caso isolato di spaccio. Comunque, per quello che vale adesso, è opportuno che clinici e operatori dei servizi a bassa soglia facciano informazione e prevenzione in tema”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.