La più ambita e prestigiosa corsa a tappe internazionale per ciclisti Under 23, presentata lunedì 25 marzo presso Fico Eataly World a Bologna, proporrà anche nel 2019 un percorso impegnativo e completo, andando a toccare 5 Regioni italiane, una in più rispetto all’ultima edizione: Emilia-Romagna, Toscana, Lombardia, Trentino e Veneto, pronte ad ospitare partenze e arrivi, ricchi di prodotti enogastronomici tipici e di iniziative dedicate alla promozione dello sport tra i giovanissimi e le famiglie.

Si allargano gli orizzonti del Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel, un evento sportivo e mediatico che si pone l’obiettivo di promuovere i territori e le eccellenze italiane in tutto il mondo, con interesse crescente in questi anni da parte di decine di Paesi stranieri. Anche le richieste di partecipazione da parte di team provenienti dall’estero sono state numerose e le formazioni straniere invitate saranno 13, da 10 diversi Paesi, su un totale di 29 squadre partecipanti. I team italiani verranno selezionati sulla base di una classifica di merito stilata dalla Federazione ciclistica italiana, che prenderà in considerazione i punteggi acquisiti tra l’1 gennaio e il 12 maggio 2019.

Il Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel nel corso della sua storia ha lanciato campioni del calibro di Moser, Battaglin, Baronchelli, Simoni e Pantani ed è tornato nel 2017, dopo cinque anni di stop; un progetto fortemente voluto dal Presidente della Federazione Ciclistica Italiana Renato Di Rocco, su impulso del Commissario Tecnico Strada Professionisti e Coordinatore delle Squadre Nazionali Davide Cassani, consapevole dell’importanza strategica di una corsa a tappe di alto livello internazionale per la crescita del movimento ciclistico italiano.

L’organizzazione del Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel è stata assegnata alla Nuova Ciclistica Placci 2013 presieduta da Marco Selleri, con la collaborazione di Communication Clinic – Clinic 4 di Marco Pavarini per la direzione organizzativa. Un gruppo di lavoro confermatissimo, che nelle due precedenti edizioni ha ottenuto riscontri estremamente positivi da parte di atleti, addetti ai lavori, territori e pubblico, anche grazie al calore e al sorriso che i volontari emiliano-romagnoli hanno sempre portato sulle strade di tutta l’Italia.

Il 42° Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel è una macchina organizzativa che gestisce una carovana di 600 persone, oltre 6.000 posti letto, l’allestimenti di 20 villaggi sponsor nelle partenze e arrivi di ogni tappa, una community con oltre 1 milione di contatti e soprattutto la messa in sicurezza di circa 1.200 km per consentire il passaggio della corsa.

Numeri possibili grazie al supporto delle Amministrazioni regionali e locali coinvolte, oltre al consolidato sostegno del main partner Enel, che dà il nome alla corsa, dei top partner Vodafone, GLS – Corriere Espresso, Pirelli, Pinarello (che insieme a Enel sponsorizzano le maglie di leader delle varie classifiche), Unipol Banca partner delle attività dei Giovanissimi Under 13, Alé, Suzuki, Enervit, All4Cycling, Selle Italia, Acqua Maniva, Maniva Ski, Lucchini Costruzioni, Laika Caravans, Saitel, Motorola Solutions, Vema Industries, Ursus, Fami, Eroica, Gruppo Fini Modena, Oakley, 101 Caffè, Pedranzini.

Sul sito www.giroditaliau23.it, realizzato da Clinic 4, verranno pubblicati con continuità tutti gli aggiornamenti su percorsi, maglie e news del 42° Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel, che rappresenta l’esame di maturità per i giovani talenti del ciclismo prima del passaggio al professionismo, oltre a essere una opportunità per i ciclisti italiani di confrontarsi con il gotha della categoria a livello internazionale.

Le nove tappe del giro

Giovedì 13 giugno.
Prologo: RICCIONE – RICCIONE 3,6 km **
Un cronoprologo individuale a Riccione, partenza da Piazzale Roma, si percorre il lungomare e si torna verso l’arrivo di Viale Ceccarini.

Venerdì 14 giugno.
1a tappa: RICCIONE – SANTA SOFIA 143,2 km *
Prima tappa in linea interamente romagnola, con partenza da Riccione. Tappa in gran parte pianeggiante (700 metri di dislivello totali), a 10 km dal traguardo si sale ai 439m slm del Passo delle Forche, poi si scende prima dell’arrivo a Santa Sofia.

Sabato 15 giugno.
2a tappa: BAGNO DI ROMAGNA (FC) – PESCIA (PT) 174 km *
La seconda tappa parte da Bagno di Romagna ma si svolge quasi interamente in Toscana, con i circa 1.400 metri di dislivello distribuiti nella prima metà della frazione: si sale subito a Passo Mandrioli (1.173m), poi Valico di Croce a Mori (954m); a 65 km dall’arrivo Croci di Calenzano (427m), poi l’arrivo a Pescia.

Domenica 16 giugno.
3a tappa: SESTO FIORENTINO (FI) – GAIOLE IN CHIANTI (SI) 145,5 km ***
Frazione impegnativa che si svolge interamente in Toscana. Partenza da Sesto Fiorentino, omaggio al grande CT Alfredo Martini, percorso mosso fino agli ultimi 50 km, che presentano 8 settori di strade bianche, l’ultimo a -10 km da Gaiole in Chianti: un omaggio all’Eroica e al suo ideatore Giancarlo Brocci.

Lunedì 17 giugno.
4a tappa: BUONCONVENTO (SI) – VETTA AMIATA 163,7 km ****
Il primo vero appuntamento ad alta quota, con arrivo in salita. Un altro omaggio al ciclismo “eroico” con la partenza da Buonconvento, il passaggio da Montalcino e un tratto di strada bianca a inizio tappa. Frazione nervosa che raggiunge addirittura i 3.500 metri di dislivello con la scalata finale al Monte Amiata (1.653m di altitudine).

Martedì 18 giugno. RIPOSO

Mercoledì 19 giugno.
5a tappa: SORBOLO (PR) – PASSO MANIVA (BS) 155,1 km ****
Si torna in Emilia-Romagna con la partenza da Sorbolo. la prima parte è completamente pianeggiante, poi in Lombardia la strada sale dolcemente fino all’imbocco del Passo Maniva (1.744), per la riproposizione di un arrivo in salita che ha regalato spettacolo al Giro U23 del 2018.

Giovedì 20 giugno.
6a tappa: APRICA (SO) – APRICA (SO) 94,8 km ****
Tappa corta (meno di 100 km) ma durissima, molto attesa per il “Doppio Mortirolo”. Una salita che non ha bisogno di presentazioni nel ciclismo e che sarà affrontata, nella stessa tappa, da due versanti. Partenza da Aprica, si scende fino a Edolo e si torna a salire verso Monno per affrontare la prima scalata del Mortirolo (1.854m); discesa verso Mazzo di Valtellina ed è subito salita verso il secondo “Mortirolo”.

Venerdì 21 giugno.
7a tappa: DIMARO FOLGARIDA (TN) – LEVICO TERME (TN) 119,9 km **
Altra tappa nervosa, da Dimaro a Levico Terme, in Trentino. Sulla carta le tappe destinate a rivoluzionare la classifica sono altre, ma proprio su queste strade la fuga di quattro corridori ha rischiato di far saltare il banco al Giro d’Italia Giovani Under 23 del 2018.

Sabato 22 giugno.
8a tappa: ROSA’ (VI) – FALCADE (BL) 134,2 km ***
Si entra in Veneto per gli atti conclusivi del Giro. La tappa parte da Rosà e si accende dopo la metà, quando si sale verso Passo Cereda (1.361m); poi Forcella Aurine (1.297m) e discesa, per tornare a salire verso il traguardo di Falcade (1.155m).

Domenica 23 giugno.
9a tappa: AGORDO (BL) – PASSO FEDAIA 35,8 km ****
Tappa in linea di 35 km, senza discesa, tra Agordo e la cima del Passo Fedaia (2.057m), la “vetta” di questo Giro d’Italia Giovani Under 23. Un finale impegnativo, con gli uomini di classifica che dovranno tentare il tutto per tutto per conquistare la corsa a tappe più impegnativa e ambita al mondo.

LE MAGLIE DI LEADER DELLE CLASSIFICHE

Maglia Rosa Enel: Leader della classifica generale
Maglia Rossa Vodafone: Leader della classifica a punti
Maglia Bianca Pirelli: Leader della classifica dei Giovani
Maglia Azzurra GLS: Leader della classifica Intergiro
Maglia Nera Pinarello: Ultimo della classifica generale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.