Potrebbe essere Andrea Gnassi, il sindaco di Rimini, il nuovo presidente Anci regionale dell’Emilia Romagna. Il Partito Democratico lo ha “indicato” e i sindaci di Centrosinistra lo voteranno in massa. Ma non sarà una cosa semplice perché questa decisone ha scatenato le ire dei primi cittadini di Centrodestra, disposti ad uscire dall’Associazione dei Comuni e formare addirittura un’altra associazione che li rappresenti.

Già era nell’aria a livello nazionale che potesse nascere un organismo nuovo e lontano dalle solite logiche. Col voto del 26 maggio scorso e i ballottaggi del 9 giugno sono cambiate molte cose e in tanti non ci stanno a sottostare alle regole dettate dal Partito Democratico. Per questo è prevedibile una sorta di rivolta con l’uscita in della compagine degli insoddisfatti.

Le votazioni per eleggere il nuovo presidente Anci Regionale, che andrà a sostituire il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, si terrà giovedì 25 luglio a Bologna nella sala riunioni in via della Liberazione 13. Se quando era stato eletto De Pascale tutto filò liscio, molto probabilmente questa volta non sarà così. C’è un gran fermento e i primi cittadini, quelli che non vogliono Gnassi, sono agguerriti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.