I carabinieri del Reparto Tutela Agroalimentare di Parma, congiuntamente con quelli dell’arma territoriale dei comandi provinciali di Forlì e Ferrara, nell’ambito di controlli svolti nel periodo natalizio a carico di produttori e commercianti di molluschi bivalvi vivi presenti sul litorale adriatico, hanno rilevato infrazioni di natura penale ed amministrativa. Per questo motivo hanno proceduto alla denuncia in stato di liberta’:

In particolare a Cesenatico è scattata una denuncia alla procura della repubblica di Forlì per il legale rappresentante di una società, con sede a Cesenatico (FC), responsabile del reato di “tentata frode in commercio”, perché è stato sorpreso subito dopo aver apposto su 104 confezioni di scampi congelati, per complessivi 312 chilogrammi scaduti nell’anno 2019, nuove etichette che riportavano data di scadenza anno 2021.

L’altra denuncia è scattata nel Ferrarese.

alla procura della repubblica di Ferrara del legale rappresentante di una società con sede In Goro (FE), responsabile del reato di “tentata frode in commercio” poichè è stato accertato che su 480 confezioni di “cozze”, per complessivi 480 kg era riportata una data di confezionamento posticipata rispetto a quella reale.

Nel corso dell’attività ispettiva si è proceduto inoltre al sequestro amministrativo di 193 confezioni di cozze, ostriche e vongole veraci per 182 a carico di una cooperativa di Goro (FE).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.