La Legge di Bilancio 2021 ha spostato in avanti di un anno, fino 1l 31 dicembre 2021, la possibilità di fare domanda per ottenere l’ APE SOCIAL.

APE SOCIAL è un’indennità che può essere richiesta da parte di lavoratori che abbiano compiuto almeno i 63 anni di età con contributi maturati di 30 anni o più entro il corrente anno.

Se in possesso di tutti i requisiti richiesti si riceverà dall’INPS una somma divisa in 12 mensilità fino all’età prevista per la pensione di vecchiaia o di altro trattamento pensionistico.

Le condizioni soggettive che i potenziali beneficiari devono possedere per ottenere il beneficio sono: lavoratori che si trovino in stato di disoccupazione in possesso di almeno 30 anni di contributi; titolari di invalidità pari al 74% o più, sempre con 30 anni di contributi; lavoratori che prestino assistenza a familiare convivente disabile da almeno sei mesi, sempre con 30 anni di contributi; lavoratori impiegati in attività gravose, con contributi di almeno 36 anni.

Le condizioni oggettive cui rispondere sono: maturazione dei contributi entro il 31 dicembre 2021. Per le donne si ricorda vi è uno “sconto” di 12 mesi per ogni figlio, ma come massimo 2 anni, cioè nel caso di due o più figlio sono necessari solo 28 anni di contributi. E’ necessario cessare ogni attività lavorativa, quindi per presentare domanda l’interessato non deve avere rapporto di lavoro attivo. Inoltre essere residenti in Italia e non avere altre pensioni ne in Italia né all’estero. Altro requisito necessario aver maturato una pensione al momento della domanda di almeno 1,4 volte l’importo minimo della pensione INPS che è oggi di 721,81 euro mensili. Il possibile sussidio dell’APE non potrà superare comunque l’importo massimo di 1.500 euro lordi mensili.

La misura viene riconosciuta ai possessori dei requisiti a fronte di apposita domanda presentata all’INPS e che abbiano le condizioni sopra descritte, ma anche coloro che abbiano maturato negli anni precedenti ma non abbiano presentato domanda. Per la presentazione sono aperte tre “finestre” entro il 31 marzo, dal 1 aprile al 15 luglio e dal 16 luglio al 30 novembre 2021 unicamente in via telematica per cui consigliamo di rivolgersi ad un Patronato, come 50&più presente con i propri uffici in ogni sede della Confcommercio.

Ottavio Righini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.