Scatta l’allert assembramenti grazie a un sistema tecnologico per la sicurezza fatto attivare dal Vicesindaco di Forlì Daniele Mezzacapo e che entrerà in funzione domani mattina. Così oltre ai droni ci saranno 164 telecamere con 92 ottiche in centro e 72 più periferiche, che ogni qualvolta ci saranno più di tre persone a distanza ravvicinata faranno scattare un segnale di allerta alle centrali delle Forze dell’Ordine, di Polizia Locale, Carabinieri e Polizia di Stato.

Dalla Centrale, inoltre, gli agenti potranno vedere dai monitor le persone che si trovano in giro e così la stessa potrà inviare sul posto la pattuglia più vicina a controllare se chi si trova fuori casa ha una giustificazione di quelle contemplate nel Decreto ormai noto a tutti.

“Queste misure – dice Mezzacapo – sono necessarie per tutelare al massimo la comunità forlivese, che grazie al cielo non ha raggiunto numeri nefasti come altri capoluoghi di provincia della nostra Regione. E’ adesso che tutti ci dobbiamo impegnare al massimo. Purtroppo fra la quasi totalità della popolazione che si è comportata con grandissimo senso civico, c’è ancora qualcuno che antepone i propri bisogni mettendo a rischio gli altri cittadini. Per questo abbiamo necessità di usare tolleranza zero, consapevole dei sacrifici che si stanno facendo”.

Che ci sono i furbetti lo dicono i dati del bilancio dell’attività della Polizia locale degli ultimi due giorni che ha denunciato altre 14 persone. Quattordici persone che senza motivazione valida si trovavano in giro per la città. La Polizia Locale nell’arco delle 48 ore, il 23 e 24 marzo,in totale, ha controllo 183 persone e 586 esercizi commerciali (279 il giorno 23 e 307 il giorno 24).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.