“La responsabilità comincia da noi. Vaccinarsi – tra i tanti esempi – è un dovere non in obbedienza a un principio astratto, ma perché nasce dalla realtà concreta che dimostra che il vaccino è lo strumento più efficace di cui disponiamo per difenderci e per tutelare i più deboli e i più esposti a gravi pericoli. Un atto di amore nei loro confronti, come ha detto pochi giorni fa Papa Francesco”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo intervento di inaugurazione del Meeting di Cl a Rimini.
In videocollegamento dal Quirinale, Mattarella è stato accolto da un lungo applauso dalla platea. Il presidente ha evidenziato le fragilità scoperte a causa del Covid, l’esperienza “del dolore, della paura, della solitudine” ma ha rimarcato che è “nella comunità” che “abbiamo trovato risorse preziose, decisive per far sì che le nostre speranze, le nostre aspirazioni non venissero sradicate e potessero ancora trovare conferma e sviluppo”. “”Possiamo farcela. Dipende anche da noi”, ha esortato.
“Le risposte emergenziali, come lo stesso piano Next Generation EU – ha detto ancora Mattarella – debbono tradursi in un nuovo cammino di forte responsabilità comune. Lo consente la riflessione in atto sul futuro dell’Europa. La Conferenza in corso di svolgimento deve essere occasione di ampia visione storica e non di scialba ordinaria gestione del contingente”.

Previous articleGambettola. Sui social discredito contro l’Amministrazione comunale. Il sindaco: “Si è superato il limite”
Next articleTrent’anni fa la medaglia d’oro al Merito Civile al Gonfalone di Marradi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.