Sesso in caserma segnato come un’ora di straordinario. Il giudice monocratico del tribunale di Ravenna ha condannato a 11 mesi un carabiniere che la notte dell’11 gennaio 2017 si segnò un’ora di straordinario in caserma, tra mezzanotte e l’una, dicendo di dover svolgere un servizio per motivi ‘improcrastinabili e urgenti’, ma in realtà, secondo l’accusa, appartandosi con una donna per un rapporto sessuale.
Il militare, 50enne all’epoca appuntato in una stazione di Ravenna e ora in un’altra regione era accusato di truffa, falso e ‘forzata consegna’.

Il difensore, avvocato Enrico Ferri, una volta lette le motivazioni della sentenza, farà appello. “Il mio assistito – ha detto il legale – ritiene assolutamente di non essere responsabile dei reati, in ragione del fatto che ritiene provato di aver svolto e eseguito l’attività lavorativa per cui ha richiesto lo straordinario e di non aver fatto false attestazioni”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.