Un uomo del Ravennate è stato fermato in mattinata dai carabinieri del comando provinciale di Ravenna con l’accusa di avere provato ad avvelenare la ex moglie, una faentina, mettendole di nascosto farmaci dentro alla tazzina del caffè. La misura – un fermo di indiziato di delitto – è stata decisa dai Pm Daniele Barberini e Cristina D’Aniello oltre che per l’ipotesi di tentato omicidio, anche per quelle di violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia. Le indagini sono partite non appena la donna coinvolta, residente nel faentino, si è rivolta ai Carabinieri dopo aver notato la presenza di sostanze sospette nei caffè che l’ex marito aveva iniziato abitualmente ad offrirle. Dopo infatti due episodi di violenza sessuale e diversi maltrattamenti avvenuti dopo la separazione, l’uomo negli ultimi tempi aveva iniziato ad assumere un atteggiamento più gentile nei confronti dell’ex coniuge, destando dei sospetti nella donna. L’ex marito si trova ora in carcere in attesa della convalida del fermo.

Previous articleUn altro morto sul lavoro, nel reggiano
Next articleBambino morto portato in un supermercato di Città della Pieve, si pensa a omicidio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.