Dimissioni in massa dei consiglieri di opposizione della lista di Bertinoro Uniti per cambiare. Una situazione paradossale che crea problemi all’amministrazione che è uscita con una dura nota.

Comunicato dell’amministrazione di Bertinoro 

L’amministrazione del Comune di Bertinoro ha preso atto con rammarico delle dimissioni dei cinque Consiglieri del Gruppo Consiliare “Uniti Per Cambiare”.

Un disimpegno verso il territorio e verso i tanti cittadini che avevano riposto fiducia in quella lista.

Teniamo a precisare, a onor di verità, che le dimissioni degli esponenti del gruppo Uniti per Cambiare sono pervenute a titolo individuale, adducendo motivazioni personali e in taluni casi, nessuna motivazione, salvo poi con un post su facebook identificare la causa di questa decisione nella condizione riguardante le terme di Fratta, rispetto alla quale sono state raccontate molte inesattezze e addossate al Comune responsabilità che non ha.

Ci sarà tempo e modo di fare chiarezza su questo e anche su scelte che in passato le stesse forze di opposizione hanno sostenuto rispetto alle terme, salvo rinnegarle ora per mera strumentalità.

Non troviamo giustificabile questo comportamento, ma tant’è.

Non avremmo voluto governare in queste condizioni quest’ultimo scorcio di legislatura. Crediamo nella democrazia e che le posizioni alternative debbano essere manifestate negli ambiti che la democraziaprevede e all’interno del consiglio comunale dove l’opposizione aveva tutte le opportunità per far sentirela propria voce e portare avanti le proprie battaglie, legittimamente in conflitto con le scelte della maggioranza.

Va detto che solo il Capogruppo uscente, Alessandro Costa, che ha presentato per ultimo le proprie dimissioni, lo ha fatto chiarendone bene le ragioni e prendendo le distanze dal resto del gruppo (comunicando prima delle dimissioni dal Consiglio, quelle dal gruppo Uniti per cambiare, per aderire al gruppo Misto e solo a quel punto formalizzare il suo allontanamento dal consiglio): un comportamento di serietà e coerenza che gli va riconosciuto.

Ora, la Città di Bertinoro si trova per motivi inspiegabili, temporaneamente priva della pluralità di voci necessaria e che costituisce la ragione vera dell’esercizio delle funzioni democratiche.

Tutto ciò non rende giustizia al nostro paese e alla sua storia.

Di conseguenza le forze politiche e civili che costituiscono la maggioranza bertinorese sono chiamate a compiere un ulteriore sforzo.

Il gruppo consiliare “Insieme per Bertinoro” e i componenti della Giunta bertinorese, si rendono garanti di fronte a tutti cittadini bertinoresi della corretta gestione della cosa pubblica e dei progetti per il paese, anche nel corso delle procedure di surroga dei consiglieri dimissionari

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.