Nelle prime ore della mattina la Polizia di Stato è intervenuta in periferia, quartiere Vecchiazzano, a richiesta di un residente, che al risveglio, recatosi
nell’aia, ha trovato una capra morta nel recinto ove era rinchiusa. Il cittadino ha ritenuto di avvisare le forze dell’ordine ipotizzando che l’animale fosse stato ucciso con un colpo di arma da fuoco, e a tale proposito ha anche dichiarato che nella notte aveva sentito un colpo sordo, forse uno sparo, ma li per li non aveva ritenuto di verificare a cosa fosse dovuto, non immaginando che qualcuno potesse aver sparato al suo animale.

Il richiedente l’intervento, infatti, ha manifestato di non aver questioni pendenti con alcuno e neppure problemi con il vicinato. Gli operatori che si sono recati sul posto, dopo avere constatato la presenza del corpo dell’animale, morto da poco e recante fuoriuscita di sangue abbondante dal collo, hanno fatto intervenire i veterinari dell’AzUsl per il recupero della carcassa e la verifica della causa della morte, poiché se il sospetto del proprietario sarà confermato andrà ipotizzato il reato di “uccisione di animali altrui”, sanzionato dal codice penale con una pena fino a due anni di reclusione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.