Un escursionista, classe 1957 di Forlì, si trovava fuori sentiero sul Monte Avorgnolo (Comune di S.Sofia) a quota 1050 m quando è scivolato ed è precipitato per circa una 70ina di metri cadendo in un canalone. Fortunatamente l’uomo, socio CAI, si è fermato contro un albero che ha bloccato la caduta verso valle e grazie allo smartphone è riuscito ad utilizzare l’app GeoResQ (un app gratuita per i soci CAI che permette in servizio di geolocalizzazione e d’inoltro delle richieste di soccorso) per dare l’allarme al Soccorso Alpino.

La chiamata, partita alle 12:06, è arrivata alla stazione Centrale del Soccorso Alpino che ha allertato la centrale operativaMt Falco che si è preparata alla pronta partenza per la ricerca dell’infortunato.

L’app ha inviato alla centrale le coordinate su dove si trova il dispositivo e questo ha facilitato il ritrovamento del signore, non facilitando comunque il recupero trovandosi in luogo impervio. Alle ore 13:45 la squadra composta da 5 tecnici è arrivata sul target, dopo un percorso di avvicinamento non facile, ha raggiunto l’infortunato e lo ha messo in sicurezza e stabilizzato mentre sul posto è giunto anche Elipavullo per la sua evacuazione. Non è stato facile per l’elicottero giungere sul luogo data la folta vegetazione: un tecnico della squadra del Soccorso Alpino ha dovuto individuare e spostarsi dove la vegetazione era più rada e accendere il fumogeno per essere individuati dal mezzo di soccorso. Una volta individuata la squadra e il target i tecnici del Soccorso Alpino e di Elipavullo hanno potuto evacuare l’infortunato con il pannolone che è stato trasportato all’ospedale di Cesena in codice 3.

”Conad”/
Previous articleTruffa da 100mila euro ad anziano sacerdote, due indagati a Rimini
Next articlePasso dei Mandrioli, donna precipita con l’auto nel burrone

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.