E’ morto a 59 anni, Giovanni Fasciano, pizzaiolo forlivese noto in città per le sue battaglie a favore dei più deboli. Da molti anni residente a Forlì ha rinunciato a tanto per lottare a favore dei senzatetto di cui era diventato un punto di riferimento. Ha combattuto contro la piaga del gioco d’azzardo e la povertà. Giovanni Battista Fasciano, stroncato da una malattia, era stato anche candidato della lista civica “Noi Forlivesi” ed era sceso in campo per poter portare all’attenzione dei politici e della popolazione il problema dei senza fissa dimora presenti a Forlì.

L’attenzione agli ultimi, ai diseredati, agli emarginati sociali era il “campo di lavoro” di lavoro di Fasciano che proprio per sostenere i diritti di queste persone e per dare loro un’occasione di rivalsa aveva presentato dei progetti innovativi che non erano assistenzialismo.

“Le politiche del welfare non hanno un colore politico ma appartengono alla città intera. I servizi funzionano ma devono essere potenziati e calibrati a seconda delle necessità di oggi”.

Bravissimo pizzaiolo non disegnava ad organizzare freste a base di pizza, per raccogliere fondi per i più poveri. Ogni tanto organizzava una conferenza stampa in qualche bar di Forlì per poter parlare con la stampa. Conosciuto in tutte le redazioni forlivesi dove si presentava con educazione ma con decisione per poter divulagre i suoi sani obiettivi. La salma è nell’obitorio del Parco. Il funerale è fissato per  lunedì alle 10:45 nella chiesa di Santa Lucia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.