La Guardia di Finanza di Forlì ha sequestrato oltre 390 mila articoli fra giochi, accessori e apparecchi elettronici non conformi, quindi potenzialmente dannosi per la salute e la sicurezza.

A indirizzare le indagini la presenza di etichettature false e non tradotte, oppure l’assenza totale di ogni indicazione su provenienza e natura dei prodotti, pronti per essere venduti. Le fiamme gialle hanno così denunciato un uomo alla procura della Repubblica per frode e segnalato per violazione della normativa nazionale del codice di consumo poiché colto nell’atto di vendere prodotti privi delle avvertenze, dell’origine e paese di produzione/importazione o con etichetta completamente in lingua straniera. Nei suoi confronti pertanto sono state irrogate le previste sanzioni amministrative per diverse migliaia di euro.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.