Nel corso della notte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Rimini, impegnati nell’ambito del quotidiano servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto in flagranza, per i reati di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale, V. A., 30enne riminese, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia.

In particolare, i militari, transitando in via Dario Campana, notavano l’uomo che bussava con veemenza al portone d’ingresso di una abitazione, colpendolo con pugni e calci. I Carabinieri, pertanto, decidevano di procedere ad un controllo di polizia per comprendere le ragioni di tale comportamento. Ma alla vista dei militari l’uomo assumeva da subito un atteggiamento insofferente, fornendo vaghe spiegazioni sul perché della propria presenza in loco. Nel mentre i Carabinieri controllavano i documenti dell’uomo lo stesso, con mossa repentina, li spintonava tentando di darsi alla fuga, venendo bloccato e riportato alla calma con non poca difficoltà.

Condotto in caserma, l’uomo veniva tratto in arresto e, espletate le formalità di rito, trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Rimini Principale in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Al termine dell’udienza di convalida, svoltasi nel corso della mattinata odierna presso il Tribunale di Rimini, l’arresto è stato convalidato e l’uomo è stato condannato alla pena di mesi 5 di reclusione con il beneficio della sospensione condizionale della pena.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.