Sono ben 12 gli indicatori che incrocia l’indice della salute in Italia pubblicato questa mattina sul Sole 24 Ore. Sulle 107 province e unioni analizzate in tutta Italia, Rimini si colloca al 26° posto, seconda solo a Modena tra le province dell’Emilia – Romagna.

La classifica finale, come spiega il quotidiano economico, è il risultato della media dei punteggi ottenuti dai diversi territori nei singoli indicatori che, a loro volta, incarnano tre aspetti fondamentali della salute: performance demografiche registrate negli ultimi anni (ad esempio, l’incremento della speranza di vita alla nascita); fenomeni socio-sanitari (come la mortalità annua per tumore e per infarto e il consumo di farmaci); livelli di accesso ai servizi sanitari (dall’emigrazione ospedaliera alla disponibilità di posti letto e di medici).

A Rimini si muore meno e si vive di più. Solo a Pordenone e a Trento si muore meno di Rimini, che sale al terzo posto sul podio delle città con la minore mortalità. Non solo, la speranza di vita calcolata per la provincia di Rimini è, insieme a Trento e Pesaro – Urbino, la più alta in Italia, con indicatore di 83,9 anni attesi.

Ridotta drasticamente l’emigrazione ospedaliera. Un dato particolarmente importante per Rimini è l’ottimo piazzamento (23°) nella classifica relativa all’emigrazione ospedaliera, ovvero le dimissioni di residenti da ospedali fuori dal proprio territorio. Rimini infatti è stata per anni il fanalino di coda dell’Emilia- Romagna, con numeri di cure in ospedali di altri territori più alti rispetto le altre province. Oggi non solo viene recuperato un gap storico ma il valore fatto registrare negli indicatore del Sole 34 Ore ci colloca al 4° posto in Emilia – Romagna e sopra la media nazionale.

Gli altri indicatori – su 107 province in Italia: Pediatri, professionisti di medicina generale ogni mille abitanti 0-15: 36°; Geriatri, professionisti di medicina generale ogni mille abitanti over 65: 27°; Mortalità per tumore (morti ogni mille abitanti 2012 – 2016): 48°; Mortalità per infarto (morti ogni mille abitanti 2012 – 2016): 43°; Aumento speranza di vita (incremento dell’età attesa alla nascita 2002 – 2017): 63°; Consumo di farmaci per asma: 73°; Consumo di farmaci per diabete: 36°; Consumo di farmaci per ipertensione: 87°; Medici di base, professionisti di medicina generale ogni mille abitanti: 52°; Recettività ospedaliera, 45°.

“Rimini – commenta Gloria Lisi, assessore alla protezione sociale del Comune di Rimini – secondo il Sole24 Ore, gode di buona salute. Un trend positivo che, al netto del peso relativo da assegnare a questo tipo di indagini, segna la bontà del percorso di ammodernamento intrapreso in questo settore dal nostro territorio Il dato che più mi interessa e che meglio rappresenta il cambio di passo della sanità riminese è quello dell’emigrazione sanitaria. Un tempo, non molto lontano, erano tanti i riminesi che si facevano curare fuori provincia; oggi recuperiamo il gap storico piazzandoci tra le prime quattro province in Region. Risultati che, nel complesso, testimoniano la bontà dei processi, anche innovativi, intrapresi in ambito sociale e sanitario a livello locale e di area Romagna da Ausl ed Enti Locali; scelte non scontate e coraggiose che vanno alimentate e rinnovate ogni giorno”.

Questa la classifica per le province della Regione Emilia Romagna

MODENA 20°

RIMINI 26°

REGGIO EMILIA 33°

FORLI’-CESENA 45°

PARMA 48°

BOLOGNA 52°

RAVENNA 70°

PIACENZA 94°

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.