Uccelli da richiamo vivi, fucili e munizioni illegali sono stati scoperti dalla Forestale di Rimini a Covignano. A finire nei guai sono stati due cacciatori riminesi di 60 anni, privi di licenza di caccia, a seguito di una perquisizione scattata dopo che era stato individuato un volatile intrappolato in un giardino.

In tutto sono stati sequestrati due fucili e 350 cartucce e gli uccelli ancora vivi che sono stati poi liberati. All’interno di un congelatore sono stati rinvenuti anche passeri, merli e verdoni morti.

Per i due riminesi è scattata la denuncia di detenzione, abbandono, cattura e uccisione di uccelli oltre all’irregolare detenzione di armi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.