Il Budokan San Mauro trionfa al Campionato Interregionale di Karate che si è svolto domenica 18 marzo al Pala Siglacom Curtatone (MN) sotto l’organizzazione del comitato provinciale Us-ACLI di Mantova. Fra le società intervenute da tutto il nord Italia la scuola sammaurese dei Maestri Andrea Silenzi e Daniele Arcangeli ha conquistato il primo posto grazie ai numerosi podi conquistati dai propri atleti.

Sui quattro tatami si sono sfidati, nelle specialità di kata individuale, kumite prestabilito e kumite libero, circa 200 atleti dalla categoria bambini, i più piccoli di 7-8 anni, fino a quella dei più grandi, i master over 35.
Medaglia d’oro nella prova di kata individuale per Matilde Mazzanti, Elia Ricci, Elena Casadei, Benedetta Faenza. Nella specialità kumite a conquistare l’oro sono Simona Marzano, Massimo Spanu, Laura Bertozzi, Alexej Fioroni, Matilde Mazzanti, Deluca Luigi, Benedetta Faenza.
A classificarsi secondi nella specialità kata sono: Gabriele Tutino, Nicolò Migliorini, Elisa Brigliadori, Massimo Spanu, Simona Marzano. Sempre secondi, ma nel kumite si sono classificati: Vera Guida, Gabriele Tutino, Filippo Venturini, Ilaria Poggioli, Elia Ricci, Ryan Zullo, Kohen Zullo.

Infine salgono sul terzo scalino del podio: Vera Guida, Matteo Berardi, Matteo Martinelli nella specialità kata, mentre Alex Bersani conquista un doppio bronzo in entrambe le prove.
Matilde Mazzanti, 9 anni cintura gialla, al secondo anno di esperienza al Budokan, è la vera rivelazione della giornata grazie al suo doppio primo posto in entrambe le specialità con una prestazione di grandissimo livello. Ottimi i risultati degli atleti che fanno parte della squadra ufficiale agonisti Budokan che hanno tutti ottenuto il piazzamento sul podio.
La giornata è stata impegnativa,” commentano i maestri Silenzi e Arcangelidalla partenza alle 5 del mattino, il viaggio, le sei ore di gara senza interruzione e il rientro in tardo pomeriggio. I nostri ragazzi ci hanno ripagato con una prestazione strepitosa unita ad uno spirito di gruppo che ci ha sostenuto dalle fasi più difficili della gara fino ai festeggiamenti sul pullman. La nostra disciplina ci insegna che ogni sacrificio speso fra allenamenti e gare ci regala giornate uniche ed emozionanti come quella di domenica”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.