Domani sciopero generale delle autoscuole come segno di protesta. Ad annunciarlo le agenzie Ravaglia e Garattoni di Savignano che si uniscono a quelle del Rubicone e della Provincia. Il motivo? A causa di una sentenza della Corte di Giustizia Europea di marzo scorso, ľ Agenzia delle Entrate ha tolto ľesenzione Iva alle Autoscuole, ribaltando completamente la precedente normativa 2006/112 CEE che, invece, legittimava le Autoscuole all’esenzione dell’imposta.

“La stessa sentenza, completamente trasversale ed in antitesi col principio del testo del DPR 633/72 -secondo cui le prestazioni di scuola guida indirizzate all’educazione stradale, istruzione e formazione dei conducenti sono del tutto comparabili a quelle di formazione scolastica ed universitaria (esenti Iva)-, ha spogliato le Autoscuole di quell’esplicito connotato scolastico-educativo che lo stesso art.133 cs testualmente riconosce loro”, spiegano i rappresentanti delle stesse. Ma non è finita qui. “Ľ Agenzia delle Entrate, non solo ha accolto i principi della Corte Europea, ma ha pensato bene di rendere retroattivo il provvedimento colpendo tutte le fiscalità dal 2014 al 2019, pertanto, gli operatori del settore, si vedranno costretti a versare ľ Iva, non solo per il futuro, ma anche per il pregresso relativo agli ultimi 5 anni. Impensabile rintracciare, come richiesto dalla ADE, tutti gli allievi di questi ultimi anni e chiedere loro la differenza – continuano – . Scatta subito l’allarme e, noi Autoscuole tutte, costrette, nostro malgrado, ad adeguarci alla normativa che prevede la riscossione Iva, unitamente alle nostre Associazioni di categoria, siamo sul piede di guerra e pronte a difendere le tasche dei cittadini, nonché nostri clienti, che si vedranno incrementare il costo della patente. Al riguardo abbiamo invocato un’azione politica e noi Autoscuole di Savignano Rubicone, di concerto con tutte le Autoscuole di Gambettola, Gatteo, San Mauro Pascoli, Cesenatico, Mercato Saraceno, San Piero Bagno e Cesena, mercoledì 18 settembre, come segno di protesta, chiuderemo le nostre Autoscuole, scusandosi anticipatamente per il disagio, e, insieme a numerose altre Autoscuole ďItalia, andremo a Roma dove si terrà un incontro con politici e giornalisti a cui chiederemo, in coro, di impegnarsi per evitare la retroattività dell’applicazione e non recepire la Direttiva Europea sulla futura applicazione”.

C.F.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.