La magistratura sammarinese ha in mano una serie di carte, molto documentate, che riguardano una piccola banca della Repubblica. In particolare i Commissari della legge sono sicuramente interessati ai bilanci dell’Istituto di credito per capire se sono in ordine o se si sono configurati reati nella presentazione di questi.

Il sollecito di un giornale di San Marino a Banca Centrale alla quale chiede di intervenire per tranquillizzare i correntisti e smentire la nostra notizia è abbastanza ridicolo, e lo stesso giornale di San Marino, che denigra romagnauno, si contraddice.

Se Banca Centrale non è intervenuta subito per tranquillizzare i correntisti un motivo ci sarà, forse non potrà, non ci vuole molto a capire: l’articolo di romagnauno è uscito il 2 febbraio. Banca Centrale, sicuramente, starà facendo il proprio dovere e aspettiamo gli esiti. Intanto la presidente di BCSM Tomasetti oggi ha detto a Rtv che se ci fossero gravi irregolarità in una banca sammarinese, la Bcsm si sarebbe mossa. Chiaramente non poteva dire altro. Ci mancherebbe. Ma ormai la gente non si fida molto delle chiacchiere sammarinesi.

Sempre il giornale di San Marino, si contraddice anche quando scrive che la nostra notizia è destabilizzante, ma poi sottolinea che i soci di quella banca già da oggi potrebbero coprire con le loro ingenti risorse, qualora volessero, l’attuale debito pubblico sammarinese tale è la loro capacità reddituale. Se avessero così tanti soldi non avremmo destabilizzato un bel nulla, che ce li mettano.

Non vogliamo fare allarmismo, ci siamo limitati a fare cronaca, cioè a scrivere quello che sta succedendo a San Marino. Forse in Repubblica non sono sempre abituati alla cronaca, chiaramente non per tutti gli organi di informazione. Alcuni scelgono il silenzio, altri scelgono di denigrare chi pubblica notizie: allora sarebbe il caso di dire la celebre frase: un bel tacer non fu mai scritto. Non ci interessa denigrare giornale.sm e soprattutto non ci interessa fare allarmismo. Ci interessa fare informazione corretta, non affari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.