L’attesa batosta per i rossoneri è arrivat: il Milan non potrà partecipare alla prossima competizione UEFA per club a cui si è qualificata nelle prossime due stagioni (una competizione sola nella stagione 2018/19 o in quella 2019/20, in caso di qualificazione). Lo ha stabilito la camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club (CFCB) dell’UEFA, presieduta da José Narciso da Cunha Rodrigues, a seguito del rinvio del responsabile della camera di investigazione CFCB per la violazione delle norme del fair play finanziario, in particolare per la violazione della regola del pareggio di bilancio (break-even rule).

Contro questa decisione, il Milan potrà presentare ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna, secondo l’Articolo 34 del regolamento procedurale che governa l’Organo di Controllo Finanziario per Club UEFA, e secondo gli Articoli 62 e 63 degli Statuti UEFA. Le motivazioni della decisione verranno pubblicate successivamente sul sito UEFA.com.

Per ora a festeggia è la Fiorentina, prima tra le ripescate che sostituirà i rossoneri: il club viola aveva già anticipato il ritiro della squadra al 2 luglio in previsione della sentenza, ma dovrà comunque aspettare un’altra decina di giorni per l’appello presso il Tas di Losanna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.