E’ stato trovato il cadavere di Elisa Pomarelli. L’assassino catturato oggi poco prima delle 13, ha confessato e indicato dove si trovava il corpo della ragazza. Si conclude in modo tragico la vicenda che ha tenuto col fiato sospeso tutta Italia.

Il 45enne è stato trovato nel comune di Lugagnano, nella soffitta di un casolare non lontano da Veleia. Dopo che il pm Ornella Chicca l’ha interrogato, Sebastiani è stato portato dai carabinieri in località Costa di Sariano per cercare Elisa. L’uomo ha indicato dove l’aveva sotterrata. Il corpo è stato trovato nei campi vicino al casolare di Silvio Perazzi, padre dell’ex convivente. Quest’ultimo sarebbe già indagato per favoreggiamento e gli inquirenti lo stanno interrogando.

I carabinbieri sul luogo sbarrano la strada

Sulle ricerche da 24 ore era calato il silenzio, dopo che il 3 settembre scorso i Ris avevano effettuato un sopralluogo all’interno dell’abitazione del tornitore, raccogliendo centinaia di campioni e trovando uno scenario “da schizofrenico accumulatore seriale”, visti i tantissimi oggetti e rifiuti accatastati in casa. In particolare la scientifica si era soffermata ad analizzare due segnali: alcune bruciature nel pollaio e altre tracce classificabili come “biologiche” all’interno dell’auto del 45enne, probabilmente appartenenti alla stessa Elisa.

Sebastiani, secondo le indagini, era fuggito sfruttando la sua conoscenza del territorio.

I carabinieri del comando provinciale di Piacenza hanno trovato oggi poco prima delle 13 Massimo Sebastiani, l’operaio di 45 anni scomparso il 25 agosto scorso insieme alla sua amica Elisa Pomarelli, di 28 anni. L’uomo era ricercato. Dopo due settimane finisce tragicamente la vicenda della coppia scomparsa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.