Sicuramente, a stretto (o quasi) giro di posta, dal Mondo degli Svincolati arriverà un nuovo rinforzo per l’attacco. Un attaccante che possa dar mano forte a bomber Bortolussi, al fragile Caturano, all’ancora acerbo Tonin. Epperò è palese che, questo nuovo Cesena, al momento pare fare rima con mediocrità. Con tristezza.
TUTTI A PREGARE – Non cambio il mio giudizio sullo zoccolo duro del Cesena: non è male, questo Cesena. Per tanti motivi. Tecnici e comportamentali. Però la stagione è lunghissima. Piena di insidie, di trabocchetti, di infortuni, di squalifiche, di virus, di prostatiti. E io, in questa rosa, di titolari presentabili (o quasi presentabili), ne vedo 14. Massimo 15. Un po’ pochini. Soprattutto per chi – parole della Società, mica del sottoscritto – punta a ‘migliorare quello che è stato fatto la scorsa stagione’. Il deludente pareggio interno raccolto col Gubbio domenica scorsa non è stato da insegnamento a Zebi & Friends, purtroppo. E pensare che, al cospetto di Sarao e soci, in casa Cesena non erano suonati dei campanelli. Ma delle vere e proprie campane. In ogni reparto. Ed ora che si fa dopo che le battute finali del calciomercato non hanno portato liete novelle? Che si fa dinnanzi a questo Cesena infarcito di baby e di scommesse? Si cerca di rimanere tranquilli. Calmi. Sereni. E si…prega. Perché qui, signori, c’è pure da pregare. Qui è infatti fin troppo evidente che il nuovo Cesena è (già) Rigoni-dipendenti. E pensare che c’era ‘qualcuno’ che non voleva dipendere troppo da San (Di) Gennaro. Che, per la cronaca, nelle ultime ore si è accasato al ricco ed ambizioso Bari.
BISOLI E CASTORI – Ah, prima di chiudere fatemi dire un’ultimissima cosa sulla querelle (a distanza) tra Ricci e Viali. La storia è nota a tutti: il difensore, dopo essere stato scaricato dal Cesena ed essere sbarcato a Pistoia, non è stato tenero con il suo ex trainer. “Con me Viali non si è mai comportato da vero uomo – ha tuonato Ricci la scorsa settimana – Non aveva nemmeno il coraggio di affrontarmi…”. Di seguito il mister del Cavalluccio, nella conferenza stampa pre-Gubbio, ad espressa domanda ‘Vuole rispondere a Ricci?’ ha semplicemente replicato con un banalissimo “Io commento soltanto le parole dei giocatori del Cesena, non parlo dei calciatori delle altre squadre”. Beh, vabbè. Ma che risposta è questa? Ha sbagliato di brutto, Viali. Avrebbe invece dovuto spiegare la sua verità, l’ex Novara. Spiegare per filo e per segno cosa non ha funzionato tra lui e il giocatore. Replicare a colui che l’ha accusato platealmente di non essere un vero uomo. Magari svelare – chennesò – qualche aneddoto carbonaro che avrebbe sputtanato per sempre Ricci. Che se al posto di Viali, nel ruolo di accusato di Ricci, ci fosse stato uno tra Bisoli o Castori (o, allargando un po’ gli orizzonti, uno tra Mourinho o Conte), in quella conferenza stampa pre-Gubbio sarebbe venuta giù la sala stampa del vecchio Manuzzi.
Flavio Bertozzi
Previous articleCorniolo, domenica sarà posta una targa alla memoria di Dino Amadori
Next articleSciame sismico nell’Appennino romagnolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.