Una vittoria pesante raccolta a due passi dalla mitica Rivazza. Dalla mitica Tosa. Una sacrosanta vittoria che profuma di ramadan spezzato (l’ultimo hurrà del Cesena era arrivato lo scorso 15 dicembre, con l’Arzignano: una vita calcistica fa). Un successo meritatissimo che magari non profuma di resurrezione completa. Ma di guarigione sì (con mister Viali in panca 5 punti raccolti in 3 gare).
DECISIVI – Non è partito forte ad Imola, il Cesena. Tutt’altro. Ha sofferto. E’ rimasto a galla anche grazie a una parata di Marson. Poi però, i bianconeri, in un Galli pieno (quasi) come un uovo, sospinti anche da mister 300 presenze Giuseppe De Feudis (a proposito: caro Conte, chapeau! ), dal sempre ottimo Zampano e dal redivivo Capellini, hanno ingranato le marce medio-alte. E, grazie alle doppiette del ritrovato Zerbin e della new-entry Caturano, sono riusciti ad andarsi a prendere tre punti che scacciano diversi spettri dalla Romagna che vive quotidianamente a pane e Cavalluccio.
SEGRETI – Non ha fatto niente di straordinario, Viali, per rimettere in carreggiata questo Cesena che con Modesto aveva perso credibilità, intelligenza tattica, vigore, concentrazione e lucidità. Tre però, i ‘credo’ del sostituto di Modesto, che per ora stanno dando buoni frutti: lo scarso ricorso al turn-over (con l’Uomo di Crotone si cambiava formazione ogni domenica), la difesa a quattro (visto che bravo Ricci?) e il declassamento del tandem Maddaloni-Sabato.  Tre concetti. Semplici. Essenziali. Ma per ora forieri di belle notizie.  E la zona play-off è ‘solo’ a tre punti.
Flavio Bertozzi
IMOLESE-CESENA 1-4
IMOLESE (3-4-2-1): Rossi 5; Boccardi 4,5, Alimi 4,5 (28′ st Della Giovanna), Carini 5; Garattoni 5, Marcucci 5 (18′ st Scarlino 5,5), Tentoni 5, Valeau 5; Ferretti 5,5 (6′ st Padovan 6), Belcastro 5 (18′ st Maniero 6,5); Chinellato 4,5 (18′ st Vuthaj 5,5). A disp.: Libertazzi, Seri, Alboni, Suliani, Adorni, Artioli, Ingrosso. All.: Atzori 5.
CESENA (4-3-2-1): Marson 6; Zampano 7 (38′ st Maddaloni sv), Ricci 7 (19′ st De Santis 5,5), Brignani 6,5, Valeri 6; Ardizzone 6, DE FEUDIS 10 (ALLA CARRIERA IN BIANCONERO), Capellini 7; Borello 6 (19′ st Rosaia 6), Zerbin 7,5  (26′ st Lo Faso 6); Caturano 7 (19′ st Butic 6). A disp.: Agliardi, Giraudo, Russini, Munari, Franco, Sabato, Brunetti. All.: Viali 7.
ARBITRO: Emmanuele di Pisa 5.
RETI: 36′ pt Zerbin (C), 41′ pt Caturano rig. (C), 3′ st Zerbin (C), 14′ st Caturano (C), 33′ st Maniero (I)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.