Parte venerdì 5 aprile la quinta edizione del progetto “Ingranaggi musicali”, che porterà anche quest’anno cinque concerti in altrettante aziende della Bassa Romagna. L’iniziativa è stata presentata in conferenza stampa lunedì 25 marzo nel Salone estense della Rocca di Lugo. Per l’occasione erano presenti: il presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Luca Piovaccari; il sindaco referente per le Politiche giovanili dell’Unione Riccardo Francone; Yuri Briccolani del Servizio coordinamento Cultura e Giovani dell’Ucbr e Gianni Gozzoli, Direttore Artistico di Radio Sonora.

Ingranaggi Festival è un’occasione di scoperta delle imprese: luoghi che racchiudono prospettive di vita, di lavoro, ma anche storie di genti e di comunità, per cercare di creare un senso di scambio, di comunicazione e di appartenenza al territorio. I luoghi di produzione industriale e artigianale diventano per un giorno luoghi di produzione e fruizione artistica: concerti, istallazione di mostre e realizzazione di speech radiofonici. L’idea è quella di valorizzare, attraverso la musica un’dea di impresa come luogo di lavoro e di mercato ma anche come luogo di ispirazione ed innovazione. Il progetto è stato pensato per i giovani e vuole valorizzare, attraverso la musica, la cultura, impresa come valore antico da preservare, ma anche come punto di partenza per innovare.

Un filo conduttore di “Ingranaggi musicali” nei diversi territori sarà la fotografia, un
collettivo di giovani fotografi: Cecilia Murgia, Roberta Casadei, Valentina Levrini, Matteo Cavina, Matteo Cicinelli, Nicola Baldazzi, Valerio Visani, ha esplorato le imprese durante i momenti di produzione e creato una mostra dedicata al lavoro.
Il proggetto sarà affiancato dalle illustrazioni uniche e originali di Marco Nascosi.
Gli eventi live, inoltre, saranno introdotti da “olio per ingranaggi”, brevi speech radiofonici realizzati dai giovani speaker di Radio Sonora.

Il primo appuntamento è per venerdì 5 aprile presso il Maglificio Capelli di Bagnacavallo, via Caduti del lavoro 16, con Mèsa, musicista che nasce a Roma nel 1991, con una buona dose di Sicilia nel sangue. Inizia a suonare la chitarra e a scrivere canzoni da bambina ascoltando i Nirvana, passando col tempo per il rock alternativo italiano fino allo sbarco sul pianeta Folk dove inizia ad apprezzare il sussurro e l’invito alla melodia.

Venerdì 12 aprile ci si sposterà a Lugo, presso la Centro Energia Edilizia, via Piratello 76. Per l’occasione si esibiranno gli Indianizer, una band nata nel 2013, partorito dalle menti di alcuni psiconauti ispirati dai deliri selvaggi degli Animal Collective, dalle ritmiche tropicali dei Django Django, gli Os Mutantes e il movimento Tropicalia e il kraut-rock dei Can.

Venerdì 3 maggio arriva a Massa Lombarda la musica de I Segreti, invaderà la Wasp, via Castelletto 104/106. I Segreti sono una band pop italiana nata a Parma nel 2013, formata da Angelo Zanoletti (voce, tastiera e synth), Emanuele Santona (basso) e Filippo Arganini (batteria). A fine 2015 il gruppo autoproduce in acustico il primo omonimo EP e nei due anni successivi aprono i concerti di alcuni degli artisti di riferimento della scena indie italiana come L’officina della camomilla, Selton, Giorgio Poi e La Rappresentante di Lista.

Venerdì 10 maggio la tappa del festival sarà a Sant’Agata sul Santerno, presso la Nuova Alfa Infissi, via San Vitale 88. In programma l’esibizione di Scudetto, una band formata dall’unione di Giacomo Laser (performer) e Alessandro Fiori (cantautore). Ambedue posseggono un curriculum spaesato. L’intento è quello di ripercorrere il ciclo del più buio partendo proprio dal nuovo 15-18 nell’arte. Canzoni trap di argomento calcistico e un nuovo conflitto mondiale alle porte, affrontato di schiena nel terrore della scienza; giocando sempre a Championship Manager.

Infine, venerdì 17 maggio il festival si conclude a Conselice, presso la CAB Massari, via Coronella 165. La band sono i Tropea, band che nasce da un elegantissimo pop all’inglese e che si sta evolvendo verso nuove forme, Testi in inglese e rilassata attitudine mediterranea. Accelerano inquietati e si guardano malinconici alle spalle, contemporaneamente, il meglio di loro lo danno dal vivo, dove suonano a perfezione e ti aprono catarsi di carica emotiva sempre diverse.

Tutti i concerti sono a ingresso libero e iniziano alle 19. Per ulteriori informazioni, seguire la pagina Facebook “Ingranaggi festival” o la pagina Instagram “Radiowebsonora”. “Ingranaggi musicali” è un progetto di promozione della cultura d’impresa alle giovani generazioni ed è realizzato dal Servizio interarea educativo, sociale e giovani dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna e da Radio Sonora, con il supporto delle Attività economiche dell’Unione e con il contributo della Regione Emilia-Romagna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.