Sulla scia del grande successo dello scorso anno, dal 21 al 23 giugno (venerdì 21 in centro storico, sabato 22 e domenica 23 nel parco antistante il Museo Classis) va in scena Ravenna Historia Mundi, il primo Festival della Storia: un’occasione straordinaria per conoscere e toccare con mano gli usi e i costumi delle popolazioni che hanno abitato il territorio nazionale e ravennate nel corso della storia, dall’età romana al periodo tardo antico.

Il programma prevede venerdì 21 giugno un corteo storico che procederà per le vie del centro di Ravenna, composto da gruppi di rievocatori rappresentanti antichi romani dell’epoca repubblicana e di quella tardo imperiale. L’inizio del corteo è previsto per le ore 20,45 da Piazza Kennedy con arrivo in Piazza San Francesco alle ore 22.45. Durante il percorso verranno illustrate alcune attività, che costituiranno l’anteprima di quello che accadrà i giorni successivi nel parco del Museo Classis.

Sabato 22 giugno, dalle ore 10 alle ore 20 e domenica 23 giugno, dalle ore 10 alle ore 17 il parco del Museo Classis si trasformerà in un vero e proprio accampamento storico: la scelta di mettere in scena l’evento al Museo è stata pensata per creare un collegamento attivo e coinvolgente con l’archeologia, quasi a voler fare rivivere i reperti esposti.
I visitatori potranno partecipare alle numerose attività in programma per vedere con i propri occhi la vita dell’antichità, riportata in scena da oltre 70 rievocatori che realizzeranno accampamenti storici e laboratori.

In entrambe le giornate le attività iniziano alle ore 10 con le attività di rievocazione del Campo Storico. A seguire, il gioco per bambini Piccoli legionari e il laboratorio di mosaico Tessera dopo tessera a cura della sezione didattica di RavennAntica, nel corso del quale verranno creati degli oggetti “antichi” da portare a casa come ricordo della manifestazione. Sono inoltre previsti i seguenti laboratori: la tessitura antica, crea la tua moneta, erbe ed unguenti, perle e gioielli, il papiro e la pergamena riproposti in diversi orari nel corso delle due giornate.

Museo Classis. Photo credits: Tommaso Raffoni. Fondazione RavennAntica

Nella sala conferenze del Museo Classis, inoltre, sono in programma incontri di approfondimento sulle diverse epoche storiche e sull’evoluzione del territorio a cura dei professori dell’Università degli Studi di Bologna: sabato 22 giugno alle ore 15.30 Michele Silani racconterà L’Adriatico e i romani; a seguire, alle ore 16.30, Maria Cristina Carile illustrerà Ravenna bizantina: la città attraverso la sua cultura artistica. Il giorno seguente, domenica 23 giugno Tommaso Gnoli alle ore 14.30 parlerà di Ravenna e la sua flotta, mentre alle 15.30 Alessandro Campedelli presenterà Gli accampamenti romani: il caso Burnum.

La partecipazione alle conferenze è gratuita. I posti sono limitati, quindi si consiglia la prenotazione: tel. 0544.473717. Presso il campo sarà presente un punto ristoro, gestito da Casa Spadoni, nel quale degustare piatti tipici della tradizione romagnola e rinfrescarsi con birra artigianale.

L’ingresso al Festival della Storia è libero nell’area del parco, mentre è previsto un biglietto speciale di euro 2,00 per chiunque voglia visitare il Museo Classis Ravenna.
In entrambe le giornate, alle ore 10.30 e alle ore 15, sono previsti due turni di visita guidata al Museo (tariffa: € 4 visita guidata + € 2 per l’ingresso al Classis Ravenna).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.