Home Economia

Digitale, a Reply XChange il futuro dell’AI. Focus su ‘Affective Computing’

Il cto Filippo Rizzante: "L'Intelligenza Artificiale ormai tocca qualsiasi cosa, dal software al mondo fisico"

15 Maggio 2024

‘Umani digitali’ sempre più realistici e in grado di riconoscere le emozioni; sistemi di sicurezza per le auto in grado di identificare una distrazione in un ventiquattresimo di secondo; canzoni e cortometraggi fatti con l’intelligenza artificiale generativa. Anche quest’anno si è visto un pezzo di futuro nella tappa italiana di Reply Xchange 2024, l’evento annuale dedicato agli ultimi trend di innovazione e tecnologia organizzato da Reply, multinazionale italiana specializzata nella progettazione e nella realizzazione di soluzioni basate sui nuovi canali di comunicazione e media digitali. Il meeting ha preso il via mercoledì 15 maggio al Superstudio Più in via Tortona a Milano e durerà fino a giovedì 16: più di cinquemila le presenze complessive tra clienti, partner e professionisti di Reply per un evento che è un punto di riferimento per il settore tecnologico in Italia. “Ci sono pochi eventi di tecnologia a livello nazionale che riescono a mettere insieme così tanto contenuto”, spiega a LaPresse il chief tecnology officer di Reply, Filippo Rizzante. Sono 180 le sessioni parallele dedicate a dibattiti tech che si svolgono all’interno di Reply Xchange, e tante le soluzioni e i progetti sviluppati dalle società del gruppo in Europa, Stati Uniti e Sudamerica che vengono illustrati nell’area demo.

Le novità del 2024

Tra le novità più importanti di quest’anno, le applicazioni del cosiddetto ‘Affective Computing’: lo sviluppo di sistemi in grado di riconoscere, elaborare e simulare i sentimenti e le emozioni umane per produrre ‘umani digitali’ sempre più realistici, applicato ad esempio al robot umanoide Ameca, in grado di riprodurre qualsiasi espressione umana grazie agli oltre 800 motori presenti nella sua faccia. Oppure Rose, l’assistente digitale esperta di tematiche di tecnologia che conversa con linguaggio naturale in decine di lingue.
Ma a Reply Xchange ci sono anche tante soluzioni di intelligenza artificiale e GenAIper rispondere alle esigenze delle aziende in ambito produzione, marketing, assistenza alle vendite, formazione ma anche alle sfide sociali, dalla sicurezza sul lavoro a quella stradale, fino alla protezione dagli attacchi informatici. Tra queste i sistemi di rilevazione della distrazione alla guida sviluppati da Reply, che analizzano lo stile di guida di ogni singolo utente per identificare in frazioni di secondo i possibili segnali di pericolo: dalla presenza di un cellulare nelle mani del conducente fino ai movimenti dello sguardo e delle pupille.
“In tutto il mondo l’intelligenza artificiale ormai tocca qualsiasi cosa, sia l’evoluzione di tutto il software ma anche il mondo fisico. Gli oggetti diventano sempre più intelligenti, sia quelli fissi che le infrastrutture mobili come i robot”, spiega ancora Rizzante a LaPresse: “c’è un’esplosione di nuove tecnologie, ancora più grande rispetto alla prima era di Internet”. Le prossime tappe di Reply Xchange 2024 saranno il prossimo 4 giugno, a Monaco e a Londra. (LaPresse)

Previous articleDigitale, al via a Milano Reply Xchange 2024
Next articleFerretti, inaugurato cantiere Riva di La Spezia rinnovato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.