Il Reddito di Emergenza è uno strumento straordinario di aiuto alle famiglie in difficoltà economica introdotto dal Decreto Rilancio del 19 maggio scorso, disponibile un cifra di poco sotto il miliardo.

Le domande per il REM ( sigla del reddito di Emergenza) possono essere presentate all’INPS entro il 30 del corrente mese, direttamente o con l’intermediazione di un Ente di Patronato.

Avrà un importo base di 400 euro e potrà essere percepito unicamente per DUE mensilità. Quindi la somma percepibile non sarà uguale per tutti ma terrà conto dell’ISEE e della composizione della famiglie.

Nel concreto, esemplificando, una famiglia mononucleare potrà percepire al massimo 800 euro (400×2); famiglia di due maggiorenni complessivamente 1.120 euro (560×2); famiglia di quattro persone di cui due minorenni 1440 euro, eccetera.

Per ottenere il sussidio occorre: essere residente in Italia, avere un reddito familiare inferiore al REM, avere un patrimonio mobiliare inferiore a 10mila euro ( aumentabile tenendo conto del numero dei componenti) e comunque un reddito ISEE, familiare inferiore a 15mila euro annui.

Ci sono altre limitazioni: il REM non è compatibile qualora ci siano un componente la famiglia che abbia percepito il bonus da 600 euro ( Decreto Cura Italia); ci sia un componente che percepisce una pensione, ( che non sia di invalidità); che abbiano un lavoro dipendente con reddito superiore al REM; non possono percepirlo coloro che già usufruiscono del reddito di cittadinanza. Non ne hanno diritto neppure coloro che si trovino in stato detentivo o ricoverati in luoghi di lungodegenza a totale carico spese dello Stato.

Non si deve confondere il Reddito di Cittadinanza con il Reddito di Emergenza. Il REM spetta alle famiglie che non hanno altri sussidi e che sono in possesso dei requisiti di residenza, familiari ed economici. Il Reddito di Cittadinanza spetta invece ai disoccupati, o a coloro che lavorano in modo saltuario e che possiedono un reddito ISEE inferiore a 9.360 euro, e che sottoscrivono un patto per il lavoro ( cioè si impegnano ad accettare un lavoro quando proposto, con regole precise). Il REM dura per soli due mesi il Reddito di Cittadinanza può durare fino a 18 mesi.

Quindi due tipi di intervento molto diversi, seppure interessanti entrambi, che ognuno saprà scegliere, se avrà le dovute caratteristiche per accedere.

Ottavio Righini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.