Sono stati premiati questa mattina i 27 giovani studenti meritevoli, figli dei lavoratori soci Gemos, che per il buon rendimento scolastico registrato nell’anno 2017/2018 si sono aggiudicati le borse di studio erogate dalla cooperativa di ristorazione. 10mila euro il premio totale del bando diviso in 18 borse di studio da 250 euro per i ragazzi delle scuole superiori e 9 borse di studio da 500 euro destinate agli universitari.

“Anche questa iniziativa si inserisce nel programma strutturato di welfare aziendale che Gemos ha messo in piedi ormai da 2 anni al fine di sostenere i nostri soci e le loro famiglie in particolar modo con azioni volte al sostegno del reddito, alla prevenzione, alla mobilità, alla formazione ecc. – racconta la presidente della cooperativa faentina Mirella Paglierani -. Il progetto di welfare è un percorso in divenire, al quale si aggiungono dei tasselli importanti volta per volta, cercando di essere sempre al passo con i bisogni e le necessità dei nostri soci. Questo delle borse di studio è l’ultimo progetto in ordine di tempo che arricchisce la proposta di quelli già attivi e che abbiamo deciso di riconfermare anche per l’anno scolastico 2018/2019 con le stesse modalità”.

Marco Bonitta, direttore generale del Porto Robur Costa

La cerimonia di consegna delle borse di studio è stata anche occasione per ascoltare una grande esperienza di sport e di vita grazie alla testimonianza di Marco Bonitta, direttore generale del Porto Robur Costa di Ravenna con alle spalle una lunga carriera da allenatore di pallavolo. “Abbiamo voluto dare ai ragazzi l’opportunità di godere di un momento formativo importante – ha concluso Paglierani -, che potesse essere loro di aiuto sia per la carriera scolastica e lavorativa che li attende sia per i momenti e le scelte di via quotidiani”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.