Martedi 11 febbraio, nel centro storico, la Squadra Mobile di Forli ha tratto in arresto due cittadini italiani ritenuti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché, l’ulteriore addebito previsto dall’art.79 del D.P.R. 309/90 per aver adibito la propria abitazione a luogo di convegno di persone per il consumo di droghe. L’operazione di polizia si era generata nei giorni scorsi dopo che alcuni abitanti della zona di via Trento avevano segnalato un frequente via vai di persone nei pressi di un particolare edificio.

I primi servizi di osservazione avevano permesso di individuare alcuni noti assuntori che venivano successivamente segnalati alla locale Prefettura per il consumo ad uso personale di sostanze stupefacenti. Nella giornata di martedi si aveva modo di documentare l’arrivo di diverse persone che facevano accesso all’interno dell’abitazione e pertanto gli agenti della locale squadra mobile decidevano di farvi ingresso. Lo scenario che gli operanti si sono trovati difronte è stato quello di una vera e propria “fumeria” ove all’interno vi erano 7 persone che consumavano (fumando e iniettandosi in via endovenosa) sostanza stupefacente del tipo eroina. Veniva sequestrata circa 11 gr di eroina già suddivisa in piccole dosi nonché alcune siringhe e bilancini di precisione con l’opportuno materiale per il confezionamento. Venivano tratti in arresto l’affittuario C.M. di anni 33 e L.D. di anni 33 quest’ultimo frequentatore assiduo nonché preposto alla suddivisione e cessione dello stupefacente. Il C.M. di professione operaio mentre L.D: nullafacente entrambi con precedenti specifici venivano tratti in arresto sentito di concerto il p.m. dott.ssa Francesca Rago della Procura della Repubblica di Forli. Ad alcune delle ulteriori persone veniva contestato la violazione amministrativa del consumo ad uso personale di sostanze stupefacenti. La Squadra Mobile ha potuto ricostruire come l’abitazione fosse adibita a luogo per il consumo di droghe da circa 6 mesi. 

Il 26 di febbraio ci sarà l’udienza dibattimentale per la definizione delle responsabilità in capo ai due arrestati. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.