Sono stati recuperati i due escursionisti bloccati da ieri sul monte Cusna, sull’Appennino reggiano, ma uno dei due non era cosciente quando è stato raggiunto dai soccorsi. Si tratta di un uomo di 69 anni: è stato sottoposto a rianimazione cardiopolmonare avanzata e trasportato d’urgenza con elicottero del 118 all’ospedale maggiore di Parma. Per le sue sorti le prossime ore saranno decisive.

L’uomo è stato recuperato in fondo a un canalone dov’era precipitato ed è in condizioni gravissime e in pericolo di vita. I medici stanno cercando di fare tutto il possibile per salvarlo ma molto dipenderà da come risponderà alle terapie. La prognosi al momento è riservata ma nel pomeriggio ci sarà un ulteriore aggiornamento sulle sue condizioni di salute.

L’altro escursionista, di 76 anni, invece, dopo alcune cure all’ospedale di Castelnovo ne’ Monti (Reggio Emilia) per lo stato di ipotermia, ha rifiutato il ricovero in ospedale.

I due erano stati individuati questa mattina intorno alle 7.30 da un elicottero dell’Aeronautica Militare di Cervia con a bordo un tecnico di elisoccorso del Saer. Erano alle pendici del Cusna da ieri, quando hanno lanciato l’allarme perché sorpresi da una tormenta di neve e da nebbia che aveva impedito loro di tornare verso casa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.