A quasi un anno dallo storico referendum sulla legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza, San Marino approva la sua legge sull’aborto che, quindi, ora non è più considerato reato. Il Consiglio Grande e Generale, l’organo parlamentare sammarinese composto da 60 deputati, ha approvato ieri in seconda lettura la proposta di legge scaturita dalla consultazione popolare del settembre scorso.

Sono stati 32 i voti favorevoli, sette i contrari e dieci gli astenuti. Prima dell’approvazione in aula, c’è stata la dichiarazione inusuale e fuori dal cerimoniale dei Capitani Reggenti, i capi di Stato, che hanno ringraziato la Segreteria istituzionale e le forze politiche che hanno meditato “per raggiungere un risultato che desse attuazione di un referendum”.
Nella norma, Legge 21, c’è l’obbligo del passaggio attraverso il consultorio per tutte le donne che scelgano di abortire entro la dodicesima settimana di gravidanza. Con la sola possibilità di optare per un incontro da remoto, attraverso uno schermo. Non è passato un emendamento che voleva rendere questo accesso facoltativo, per tutelare liberà scelta e privacy. Ad approvazione avvenuta, le donne del movimento, provenienti da tutti gli schieramenti politici del Paese si sono ritrovare in Piazza della Libertà e davanti a Palazzo Pubblico per festeggiare.

”Conad”/
Previous articleA Forlì “Romagna mia” versione Zanicchi, Morgan e Skiantos
Next articleIl fratello Sergio Resinovich: “La perizia su Liliana è una verità di plastica”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.