Sembrava una normale segnalazione per l’ennesima lite in famiglia – che da giorni costituiscono un vero e proprio “fenomeno ricorrente” sul territorio – quella giunta nella prima serata di ieri presso la Centrale Operativa di Riccione: un vicino di casa preoccupato dalle urla proveniente dalla vicina abitazione di una giovane coppia.

Così, si sono immediatamente recati sul posto i carabinieri della Stazione di Morciano di Romagna, impegnati nel servizio di presidio del territorio ed una volta giunti presso l’abitazione segnalata, a Montescudo-Monte Colombo, hanno suonato alla porta venendo accolti dalla coppia, decisamente sorpresa alla vista delle divise.

I Carabinieri hanno quindi spiegato il motivo della loro presenza e di tutta risposta, i coniugi hanno subito iniziato a smorzare i toni, rassicurando i militari che fosse tutto nella norma e che si era trattato di un semplice diverbio per questioni di gelosia. Ma i militari, al fine di accertare che non si trattasse di frasi di circostanza che potevano invece nascondere possibili situazioni di maltrattamento, hanno invitato la coppia a rientrare in casa per procedere con loro ad una ispezione dei luoghi e verificare che non vi fossero segni di violenza dentro l’abitazione. Una volta varcata la soglia, gli uomini dell’Arma sono stati investiti dal fortissimo odore acre della Marijuana e nell’improvviso mutismo dei due, si è così deciso di procedere ad una perquisizione che ha consentito il rinvenimento, all’interno di una camera, di una vera e propria serra artigianale.

Un sofisticato impianto elettrico di riscaldamento e illuminazione curava la crescita di ben 21 piante rigogliose, cariche di infiorescenze pronte per essere raccolte e trattate. Nella credenza, invece, 220 gr di sostanza già essiccata e pronta allo spaccio. Questo è quanto è stato rinvenuto al termine dell’attività di ricerca e che ha consentito ai militari intervenuti ed ai colleghi della Stazione di Montescudo – Monte Colombo, nel frattempo sopraggiunti, di dichiarare in stato di arresto i due sposi, classe ‘83 lui e ‘94 lei, entrambi incensurati e nullafacenti.

Tutto il materiale, una volta recuperato, è stato quindi sottoposto a sequestro mentre per la coppia, al termine delle formalità di rito, è stato disposto dal Sost. Proc. di turno – Dott.ssa GALLUCCI –l’accompagnamento presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, previsto per la mattinata odierna innanzi all’A.G. di Rimini.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.