Nella mattinata di mercoledì 12 giugno, i Carabinieri della Stazione di Modigliana con la collaborazione dei militari della Stazione Forestale di Tredozio e con l’ausilio del personale ASL Servizio veterinario di Forlì, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Forlì per il reato di cui all’art. 727 C.P. “Detenzione di animali in condizioni  incompatibili con la loro natura” una 44enne residente, perché a seguito di un controllo presso l’abitazione della donna nelle campagne di Modigliana, venivano trovati reclusi numerosi cani e gatti in condizioni igienico sanitarie precarie. 

Pertanto, accertato che presso l’anagrafe canina risultavano censiti soltanto 3 cani, grazie all’ausilio dei militari del Comando Stazione Carabinieri Forestale di Tredozio e del personale dell’AUSL servizio veterinario di Forlì, veniva accertato che la donna deteneva 13 cani di varie razze (lagotti, labrador, meticci e barboncini) e 22 gatti di razza europea; una parte di questi erano rinchiusi all’interno di una vecchia stalla per maiali, mentre un’altra parte erano in una stanza all’interno dell’abitazione in condizioni incompatibili con la loro natura per via della presenza nel pavimento di numerosi escrementi. Peraltro gli animali si presentavano magri con pelo infeltrito e nodoso poiché non avevano a disposizione acqua e cibo.

Considerato che gli animali erano tutti detenuti in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze, venivano tutti sottoposti a sequestro.

In particolare, i cani verranno custoditi presso il canile comunale di Forlì e i gatti presso il “Gattile ENPA di Cesena”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.