“Il sindaco Gianluca Zattini ci ha abbandonato da tempo. Stiamo ancora aspettando la conferma scritta dell’incontro pubblico, richiesto dalla nostra Associazione, per affrontare con la direzione di Alea e gli amministratori meldolesi l’annoso problema del porta a porta e della gestione dei rifiuti”.

Questa la denuncia di Annunziata Santopuoli, presidente di Etica&Mente, che insieme ai volontari aveva raccolto nel mese di agosto 655 firme per ottenere un incontro chiarificatore, ma a quanto pare mentre altri sindaci del territorio hanno dato voce ai cittadini e hanno accettato il confronto, il sindaco di Meldola non si è ancora espresso.

Annunziata Santopuoli

“Ho ricevuto in settembre una telefonata da parte dell’assessore all’istruzione Ermano Giunchi – afferma Santopuoli – in cui ci garantiva l’appuntamento richiesto, ma poi non si è più fatto vivo nessuno”. Alcuni firmatari della petizione, spazientiti, hanno minacciato di portare i rifiuti davanti alla porta del Comune o, addirittura, sotto le finestre del primo cittadino. “Abbiamo saputo – dichiarano i firmatari- che alcuni meldolesi sono andati direttamente dal sindaco per cambiare i contenitori ed averli più piccoli, ma a noi non basta solo questo, vogliamo sapere direttamente da Alea come gestiremo anche a Meldola la differenziata visti i disagi che stanno affrontando i Comuni limitrofi dove la raccolta è già partita e quali le tariffe che dovremo pagare dopo tanta confusione e notizie imprecise”. Quello che i cittadini rimproverano a Zattini è anche di non averli messi al corrente prima della decisione di sposare il progetto Alea. “ Sicuramente non è stato corretto con noi visto che, prima di una decisione così importante che vincolerà il nostro futuro da qui alle calende greche, non c’è stato un sondaggio sulle problematiche a cui tutti andremo incontro. Per questo siamo dovuti ricorrere alla raccolta firme”. I quesiti, elencati nella petizione protocollata a fine agosto, sono diversi e aspettano ancora una risposta. “Speriamo che questa denuncia sia utile per ricordare agli amministratori l’impegno preso – conclude la presidente – e che al più presto possiamo avere il confronto pubblico con le parti in causa tanto auspicato dai meldolesi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.