Lo Ior mette in guardia e comunica di stare attenti alle truffe. Malviventi utilizzano, infatti, il nome dell’Istituto Oncologico Romagnolo, per truffare i cittadini.

“In questi giorni – segnala lo Ior – c’è giunta più di una segnalazione di persone che si recherebbero direttamente a casa della gente a richiedere donazioni per sostenere i nostri servizi alla persona.

AIUTATECI A DIFFONDERE QUESTO MESSAGGIO: lo IOR NON effettua raccolta fondi porta a porta, quindi chiunque suoni al vostro campanello non lo fa né a nostro nome, né per sostenere i progetti d’assistenza ai malati della Romagna che noi forniamo in maniera del tutto GRATUITA.

Nel migliore dei casi si tratta di un equivoco e di altre organizzazioni, magari altrettanto meritevoli e sul cui operato non giudichiamo: fatevi spiegare bene dalla persona che suona al vostro campanello per conto di chi fa questo tipo di attività di modo che, se decidete di sostenerle, possano poi rendicontarvi in tutta trasparenza per cosa viene utilizzata la vostra generosità.

Nel peggiore dei casi si tratta di una TRUFFA… anche se speriamo sempre non esistano persone che abbiano il coraggio di lucrare sulla pelle delle persone che soffrono.

PS. Anche solo un CONDIVIDI può aiutarci a evitare che tanta brava gente venga raggirata… vedete voi cosa potete fare!”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.