In continuità con analoghe iniziative che stanno avendo luogo su tutto il territorio nazionale, giovedì 11 aprile, dalle 10 alle 12 presso l’ingresso del Maria Cecilia Hospital a Cotignola in via Madonna di Genova, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno organizzato un presidio di tutti i lavoratori della sanità privata della provincia di Ravenna a sostegno della vertenza per un contratto collettivo nazionale di lavoro non rinnovato da ben 12 anni.

Dodici anni – rivendicano i sindacati – nei quali tutte le lavoratrici e i lavoratori della sanità privata non hanno avuto alcun aumento economico e riconoscimento professionale, malgrado sia evidente come le aziende del settore garantiscano prestazioni “pubbliche” ai cittadini attraverso il fondamentale lavoro di infermieri, tecnici, operatori sociosanitari e personale amministrativo sempre più qualificato. Tutto ciò nonostante il “mercato della salute” sia significativamente garantito dall’accreditamento. Un settore fondamentale per il welfare e l’economia che, solo nella provincia di Ravenna, coinvolge oltre 500 occupati e gestisce un elevato numero di posti letto pubblici, con la concessione di un consistente volume di committenze che genera (secondo dati forniti dalla stessa AIOP) nella regione Emilia-Romagna oltre 730 milioni di valore complessivo di produzione. La mobilitazione si concluderà il 17 aprile a Bologna con un presidio regionale dinanzi la sede AIOP.

Advertisement
”Conad”/
Previous article12/13 aprile a Cesena la finale nazionale delle Olimpiadi del Problem Solving
Next articleBallando sui passi di Rudolf Nureyev riflettori sui talenti della danza

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.