Si sono conclusi in questi giorni  gli incontri nelle marinerie della Costa dell’Emilia-Romagna dove DELTA 2000 insieme ai rappresentanti della associazioni del FLAG della Costa ha incontrato gli operatori del settore ittico, della pesca sportiva, degli operatori della ristorazione e del turismo, nonché i rappresentanti istituzionali dei comuni dell’area FLAG,  per presentare le azioni che verranno attuate dal FLAG nei prossimi mesi grazie ai 5.000.000,00 di Euro assegnati  per la realizzazione della strategia e 273.000,00 euro per le attività di cooperazione, derivanti dal FEAMP – Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca. Il principale strumento di sostegno alla nuova Politica Comune della Pesca che ha la finalità di migliorare la sostenibilità sociale, economica e ambientale dei mari e delle coste in Europa sostenendo i progetti locali, le aziende e le comunità in loco. Tra gli interventi previsti, quelli destinati allo sviluppo locale delle aree di pesca e acquacoltura vengono realizzati attraverso i FLAG (Fisheries Local Action Group). A tal fine, il territorio della costa emiliano-romagnola si è organizzato e riconosciuto dalla Regione Emilia-Romanga nell’unico “FLAG Costa dell’Emilia-Romagna” per l’intero territorio della Regione Emilia-Romagna, con una strategia unitaria e condivisa per lo sviluppo del settore della pesca e dell’acquacoltura da Goro fino a Cattolica, passando per i Comuni di Comacchio, Cervia, Ravenna, Cesenatico, Bellaria, Rimini, Riccione, Misano.

Durante gli incontri si è parlato di qualificazione delle marinerie e delle produzioni ittiche, sia della pesca che dell’acquacoltura,per aumentarne la competitività territoriale, incrementare la redditività dei pescatori e degli acquacoltori, salvaguardare la biodiversità marina e lagunare, contribuire al mantenimento e creazione di nuovi posti di lavoro nelle zone di pesca e acquacoltura, sostenendo anche processi di diversificazione. Questi infatti sono gli obiettivi della strategia del FLAG che si articola attorno ai concetti chiave: qualità, valore aggiunto, conoscenza.

Per il raggiungimento della qualificazione delle fasi della filiera per aumentare competitività e qualità delle produzione, verranno realizzati interventi di progettazione e riqualificazione sia dei luoghi di sbarco e imbarco sia di qualificazione delle produzioni e i luoghi in cui si svolge l’attività dell’operatore ittico, anche attraverso interventi rivolti all’ammodernamento delle imbarcazioni da pesca e delle attrezzature per la pesca e l’acquacoltura. Sono previsti inoltre interventi di diversificazione dei prodotti e delle attività verso ittiturismo, pesca sportiva e ricreativa e altre attività complementari. La tutela dei luoghi in cui le risorse marine si riproducono e si sviluppano è fondamentale per la qualità e la sicurezza dei prodotti: non mancheranno quindi interventi per il miglioramento degli habitat marini e lagunari per salvaguardare la biodiversità nelle aree di pesca e lagunari.
Una serie di azioni e interventi di informazione sono rivolte a diffondere la conoscenza sulle opportunità offerte dal mondo della pesca, integrare pesca turismo e cultura delle marinerie ma anche sostenere la creazione di reti tra il mondo della ricerca e gli operatori del settore pubblico e privato. Oltre ad interventi di promozione dei prodotti ittici e delle marinerie cercando di incentivare la realizzazione di eventi ed azioni che integrino sempre più la pesca al turismo e alle tradizioni e alla cultura delle marinerie dell’adriatico. Non ultimo saranno inoltre realizzati azioni di cooperazione con altre realtà europee e nazionali per scambiarsi buone prassi e esperienze tra diverse aree di produzione. Le azioni verranno realizzate attraverso bandi pubblici, interventi a regia diretta del FLAG e convenzioni con soggetti pubblici attuatori. I bandi saranno pubblicati a partire dal 2018.

L’Assessore Valentina Montalti commenta l’esito degli incontri: “Gli incontri nelle marinerie hanno avuto luogo già dall’anno scorso; incontri che, a mio avviso, sono stati utili sia nella definizione della strategia locale sia nella divulgazione degli intenti del nostro territorio; appuntamenti questi che hanno contribuito alla programmazione dei bandi futuriche saranno rivolti agli Enti Pubblici, agli operatori dei settori ittici, alle imprese, alle Università, ai Centri di Ricerca e alle Associazioni e ai privati. La divulgazione degli obiettivi – continua l’Assessore – del FLAG e dei bandi è una parte fondamentale per la riuscita della stessa strategia.
Ringraziamo quindi tutte le persone che hanno partecipato, le Associazioni di Categoria, i membri di DELTA 2000 e ci auspichiamo che si possa trarre il massimo giovamento per  tutto il territorio”.

Per info: DELTA 2000 Soc. Cons. a r.l. www.deltaduemila.net, FB: Flag Costa dell’Emilia-Romagna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.