“Il tempo dei proclami tesi a cercare di conquistare l’elettorato moderato non potranno far crescere di consenso partiti che tradizionalmente sono caratterizzati da battaglie che non sono ancora riuscite a suscitare nella stragrande maggioranza delle famiglie italiane quella fiducia in grado di dare nuova luce a un vero e proprio centrodestra di governo” dichiara Alessandro Margiotta del Popolo della Famiglia di Rimini.“Per questo serve più che mai irrobustire una forza politica capace di raccogliere le “fatiche” che attanagliano le famiglie italiane, la vera anima di quel cosiddetto ceto medio locomotiva economica e sociale del paese, e mettere in campo azioni di buon governo urgenti come la riduzione della pressione fiscale su famiglie e imprese, il sostegno e la defiscalizzazioni per chi fa figli, una reale conciliazione lavoro-famiglia e pari condizioni lavorative per le donne che scelgono di essere mamme, garantendole anche un reddito di maternità nel caso scelgano di dedicarsi a tempo pieno ai loro figli. Più centro nel centro-destra significa questo: portare battaglie che oggi non trovano cittadinanza nei partiti che compongono la coalizione attuale di “destra-destra” e renderle centrale con la forza dei consensi a nuova forza autenticamente popolare che trovi in movimenti valoriali coerenti e radicati come il Popolo della Famiglia la sua radice più profonda” conclude Margiotta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.