Nel confermare il secondo caso accertato di morbillo in un cittadino sammarinese, l’ISS informa che sono state avviate tutte le procedure di profilassi e vigilanza sanitaria previste. Al momento risultano anche un paio di casi sospetti di morbillo, su cui sono in corso accertamenti immunologici. Tutte le infezioni, sia quelle confermate che sospette, si sono manifestate nello stesso ambiente del caso iniziale, come era presumibile.

Sono oltre un centinaio le persone attualmente monitorate perché venute in contatto con i pazienti affetti da morbillo e risultano oltre una trentina le vaccinazioni straordinarie già effettuate con la somministrazione del vaccino anti morbillo-rosolia-parotite.

Tutti i soggetti che al momento manifestano l’esantema classico del morbillo, non risultavano immunizzati. L’ultimo caso segnalato di Morbillo a San Marino risale al 2012. Le coperture vaccinali in Repubblica sono aumentate soprattutto negli ultimi anni, ma restano ancora al di sotto della soglia del 95%, necessaria per garantire l’effetto gregge, impedendo cioè la circolazione del virus. Attualmente le fasce d’età più sensibili al contagio risultano quelle tra i 35 e i 50 anni, prima dell’obbligatorietà della vaccinazione.

L’ISS invita quindi la popolazione che non è stata vaccinata o che non abbia contratto il morbillo per via naturale, a contattare la Direzione dalla UOC Cure primarie allo 0549-994338 dal lunedì a venerdì dalle 8 alle 13, oppure tramite email all’indirizzo di posta elettronica: ufficio.vaccinazioni@iss.sm, per informazioni in merito al proprio stato di immunizzazione e/o per prenotare la vaccinazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.