Dopo gli appuntamenti dello scorso fine settimana rivolto ai bambini, la rassegna “Musica in libertà” riprende con i concerti dedicati ai “Grandi in piazza” . Primo appuntamento mercoledì 6 giugno alle 21.15 in Piazza della Libertà: protagonista il grande virtuoso della tromba jazz Fabrizio Bosso, che si esibirà assieme alla Big Band del Maderna diretta da Giorgio Babbini.
Fabrizio Bosso 2015 (Ph Roberto Cifarelli)
Nato a Torino nel 1973, Fabrizio Bosso inizia a suonare la tromba all’età di 5 anni e a 15 si diploma al conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Pubblica il suo primo disco “Fast Flight” nel 2000 e, fin dall’inizio della sua carriera, stringe importanti collaborazioni con Gianni Basso, Enrico Pieranunzi, Rosario Giuliani, Charlie Haden, Carla Bley.  Nel 2007 pubblica “You’ve Changed”, uno dei suoi dischi più importanti in quartetto e 13 archi magistralmente  arrangiati  da  Paolo Silvestri,  con  alcuni  ospiti  come  Stefano  Di  Battista,  Bebo  Ferra,  Dianne  Reeves  e  Sergio  Cammariere,  al quale deve l’ingresso nel mondo del pop e la sua prima apparizione al Festival di Sanremo. Seguiranno i dischi “Sol” (2006), primo disco della formazione Latin Mood nata nel 2006 e che condivide con Javier Girotto e “Spiritual” (2010). Punto di svolta è stato nel 2011 agli Air Studios di Londra la registrazione dell’album “Enchantment – L’incantesimo di Nino Rota”, con  la  London  Symphony  Orchestra  e  la ritmica  di  Claudio  Filippini,  Rosario  Bonaccorso  e  Lorenzo  Tucci, con arrangiamenti  e  direzione di Stefano Fonzi. Nel 2012 pubblicherà i dischi “Vamos” e “Face to Face” in duo con il fisarmonicista Luciano Biondini e nel 2013 “Purple”. Negli anni ha partecipato a diversi festival in Italia e anche all’estero, dove raggiunge grande popolarità in Giappone, e al Festival di Sanremo. Molte  sono  le sue  collaborazioni interdisciplinari  come “Il Sorpasso”,  sonorizzazione  dal  vivo  di  un  montaggio  di  immagini  tratte  dal  capolavoro  di  Dino  Risi , o “Shadows”,  un  omaggio  a  Chet  Baker  con  Julian  Oliver  Mazzariello  al  piano  e  Massimo  Popolizio  voce recitante. Ha collaborato con grandi direttori  d’orchestra  come Wayne Marshall o Maria Schneider, e nella rivisitazione della Bohème dal titolo “Mimì è una civetta”. Nel 2014 esce  l’atteso  duo  con  Julian  Oliver  Mazzariello “Tandem” e  nella  primavera  2015  pubblica “Duke”, dedicato  a  Duke Ellington,  con  il  suo  nuovo  quartetto  composto  da  Julian  Oliver  Mazzariello,  Luca  Alemanno  e  Nicola Angelucci e una sezione di sei fiati. A Maggio 2016, esce il disco con Julian Oliver Mazzariello e Fabio Concato, “Non Smetto Di Ascoltarti”, mentre nel 2017 suona la canzone “mi trovi dentro di te” di Renato Zero.
Gli appuntamenti continuano con il gran galà lirico “…E lucean le stelle” in programma giovedì 7 giugno e venerdì 8 giugno con il jazz classico degli anni ‘30 di “Da Mingus a Mina”.
Sabato 9 giugno spazio a due grandi del jazz, Dado Moroni e Joe Pisto, mentre domenica 10 giugno è in programma il gran finale “Bolero!”, con lo spettacolo “Pierino e il lupo” di Prokofiev con la voce recitante di Susy Blady e “Bolero” di Ravel, eseguito da un’orchestra di 90 elementi, che coinvolgerà docenti e allievi del Corelli e del Maderna, insieme a vari musicisti del territorio.
Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero. In caso di maltempo, i concerti si terranno a Palazzo Ghini.
“Musica in libertà” è promossa dal Conservatorio “Bruno Maderna” e dell’Istituto Musicale “Corelli” con la collaborazione degli Assessorati alla Cultura e allo Sviluppo Economico del Comune di Cesena e il sostegno di Zona A.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.