I carabinieri della sezione “Catturandi” del Nucleo investigativo di Milano hanno individuato e arrestato il 51enne napoletano Francesco Delle Cave, che deve scontare poco più di dieci anni di carcere per un cumulo di pene per reati principalmente finanziari. Lo ha annunciato l’Arma, spiegando che è attualmente ancora al vaglio la posizione di un 24enne di Casoria (Napoli) trovato con il latitante al momento dell’arresto, eseguito tre giorni fa a Mugnano di Napoli, nell’hinterland del capoluogo campano.

Sempre secondo quanto spiegato dai militari, Delle Cave era stato arrestato (con altre sette persone) l’anno scorso nell’ambito di un’inchiesta della guardia di finanza di Forlì-Cesena, nei confronti di una presunta associazione a delinquere accusata di abusivismo finanziario, bancarotta fraudolenta, truffe, ricettazione e appropriazione indebita, reati commessi nell’ambito di decine di operazioni finanziarie per un valore complessivo intorno ai 200 milioni di euro. Tra le operazioni contestate dai magistrati della Procura di Forlì-Cesena c’era anche la tentata scalata alla romagnola Olidata Spa che, secondo l’accusa, era stata compiuta, tra gli altri, con un fondo qatariota guidato da un finanziere italiano già coinvolto nel tentativo di acquisizione di Banca Etruria. Secondo gli investigatori, le truffe sarebbero poi preseguite anche in Lombardia e Veneto con l’emissione di false fidejussioni per altri 150 milioni di euro.

Il 51enne pregiudicato, ricercato dal 21 febbraio scorso dopo l’emissione di un provvedimento da parte del Tribunale di Milano, si trova ora recluso nel carcere di Poggioreale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.