Pugno al volto a un ragazzino. E’ successo sabato sera attorno alle 19.30 in centro quasi davanti al Bagno Veneto. L’aggressore non è stato identificato. In un primo momento si era diffusa la voce che si fosse trattato di una aggressione omofoba, ma i carabinieri che sono intervenuti hanno escluso questa iopotesi. Il fatto però ha riacceso il problema della sicurezza nonostante il sindaco avesse cercato di tamponare con un’ordinanza che vieta la vendita di bevande in vetro.

La Uil interviene chiedendo che vengano raffortai iuomini e mezzi. “Come Uil Emilia Romagna e Usip (Unione sindacale italiana Poliziotti) Emilia Romagna abbiamo chiesto che il Ministero dell’Interno apra a Cesenatico il posto di polizia estiva. Non è un vezzo la nostra richiesta, ma un’esigenza reale. Abbiamo chiesto alla Regione Emilia Romagna di farsi portavoce, sempre al Ministero dell’Interno, di questa richiesta. Risposta? Silenzio totale. La presenza delle forze dell’ordine è fondamentale per la tutela e la sicurezza dei cittadini. Lo è d’inverno per chi abita a Cesenatico e lo è, in estate, per chi viene a trascorrere le ferie. Occorrono più uomini, più mezzi. Oltretutto usciamo o quanto meno stiamo uscendo da un periodo duro, difficile come quello della pandemia che sta lasciando segni pesanti in campo economico, sociale, ma anche emotivo. Ecco perché, oltre a più uomini e mezzi delle forze dell’ordine, occorrono interventi sociali. Una sorta di pronto soccorso sociale che lavori, in primis, sui giovani con progetti, attività”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.