Termina oggi la mostra dedicata ad Alfonso Leoni, una delle figure più importanti della ceramica italiana.

Un artista geniale che ha lavorato con la ceramica e con altri materiali in una continua ricerca e sperimentazione.

Con questa grande antologica, il MIC di Faenza ha riscoperto l’innovativo e prolifico artista, purtroppo prematuramente scomparso, riportando lui e la sua attività all’attenzione della pubblicistica e della critica.

Advertisement
”Conad”/

“Si chiude la mostra di Leoni con un bilancio positivo in termini di presenze, riscontri di pubblico e stampa. – commenta Claudia Casali, direttrice del MIC e curatrice della mostra – L’esposizione è stata molto apprezzata non solo dagli addetti ai lavori. È stata ammirata la varietà e l’eccezionalità del percorso artistico di Leoni, un protagonista assoluto non solo nel campo della ceramica. Finalmente Faenza, e il MIC soprattutto, hanno dato il giusto, necessario e significativo tributo ad uno degli artisti più meritevoli del proprio territorio (e non solo, come abbiamo potuto valutare). Sono molto soddisfatta anche dal riscontro che ha avuto la monografia: l’eccellente lavoro svolto da Silvana editoriale è stato molto apprezzato. Diversi sono i volumi venduti e richiesti, non solo in Italia. Anche questo, in un momento così difficile, è un risultato inaspettato. Questo conferma una già a me nota certezza: i progetti importanti vengono sempre premiati. Vorrei esprimere un ringraziamento ai numerosi visitatori che in questi mesi hanno partecipato alle nostre visite guidate e ai nostri incontri”.

Per l’occasione il MIC propone un finissage ad ingresso gratuito con un concerto dei Romagna Brass, composti da Marco Vita alla tromba, Matteo Fiumara alla tromba, Maikol Cavallari al corno e Damiano Drei al trombone che eseguiranno musiche di Ravel, Piazzola, Norton, Bernstein.

Infine alle 18, dopo un’ultima passeggiata di saluto alla mostra, seguirà un brindisi con la presentazione delle prossime attività del Museo. Prenotazione obbligatoria: 0546697311, info@micfaenza.org. Ingresso con green pass.

Previous articleImola. Faceva falsi certificati del medico morto per non andare in caserma a firmare
Next articleGambettola. Neo patentato con la marmitta modificata fugge all’alt dei vigili, ma viene preso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.