Ogni tanto torniamo ad interessarci dei Paesi dove la vita dei pensionati (italiani nel nostro caso) può essere vantaggiosa a attrattiva. Si affaccia ora anche la Grecia, Paese a noi vicino per vari motivi. Vediamo come può essere interessante. Ricordando che molti sono gli stati che hanno accolto pensionati italiani attratti da: minori tassazione, costo della vita più basso, clima più piacevole. Senza che sia un dato ufficiale, mi sento di dire che finora ha vinto il Portogallo.

Perché la Grecia può essere particolarmente interessante. Prima di tutto lo si deve al fatto che, come noi, ha una storia classica che ci assomiglia e che tutti abbiamo appreso fin dai primi anni di scuola. Quindi in qualche modo un Paese “conosciuto”, dove gli italiani sono visti come popolo amico e con una storia alle spalle in qualche modo simile.

Inoltre dire Grecia vuol dire mare, e noi siamo un popolo di “navigatori” per cui le centinaia di isole del Mar Egeo sembrano essere delle mete molto allettanti, anche per il clima normalmente più mite del nostro, al quale come detto si accompagna un clima umano altrettanto piacevole.

Cominciamo da quello che normalmente si evidenzia come il principale motivo di espatrio per il pensionato. La tassazione, e in Grecia la pensione che sarà pagata al lordo, quindi senza trattenute in Italia, per 15 anni sarà tassata al 7%, quindi molto meno che non da noi, e pertanto il primo motivo di tornaconto è evidente. A questo si aggiunge il costo della vita che è molto più basso che da noi. Anche se è sempre importante capire dove si vuole fissare la propria residenza. Siccome i posti più gettonati non sono la capitale Atene, già più cara, ma qualche isolotto del Peloponneso, il costo della vita può essere anche del 50% in meno che la media in Italia.

La Grecia è già stata scelta da oltre 12mila italiani che negli ultimi anni si sono trasferiti per godere di tutti i benefici, compreso quello di comprare casa a prezzo ancora vantaggioso, che abbiamo raccontato.

In ogni caso, qualora si prendesse in considerazione l’idea di andare in Grecia stabilmente, sarebbe opportuno cominciare con un tour turistico per vedere e capire come sono le cose nella realtà. Tener conto sempre che comunque si tratta non di una vacanza breve ma di un cambio radicale di vita, e che comunque si sarà sempre degli “emigranti” in terra straniera, anche se non certamente di tipo economico.

Ottavio Righini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.