“Non lo facciamo per Greta Thunberg, che ha fatto partire la protesta in tutto il Mondo. Lei ha l’enorme merito di aver scosso le coscienze, inspiegabilmente immobili nonostante l’opinione concorde di tutti gli esperti e scienziati. Lo ha fatto attirando su di sé una enorme attenzione non richiesta, con tantissima ammirazione ma anche parecchie critiche complottiste, diffamazioni ignoranti che probabilmente nascono dal senso di colpa per non aver fatto abbastanza. Ma non chiediamo di scioperare per lei, lo facciamo per il futuro di tutti”.

Con queste parole, il gruppo di Fridays For Future di Forlì, annunciano la loro adesione al nuovo sciopero mondiale indetto per venerdì 24 maggio.

“Abbiamo solo 11 anni per invertire la rotta e superare il punto di non ritorno. Quando si parla di obiettivi al 2030 si ha la percezione errata di avere ancora molto tempo a disposizione: non è così. – prosegue il loro comunicato – Per questo motivo Irlanda e Regno Unito, anche grazie alla nostra pressione, hanno appena dichiarato lo Stato di Emergenza Climatica. Chiediamo che anche l’Italia e l’Europa facciano altrettanto, ed inizino a trattare come si deve questo argomento a tutti i livelli, dai Comuni fino agli organismi internazionali. Solo a Forlì il 15 Marzo eravamo 3’500: studenti, insegnanti, genitori e nonni, bambini e lavoratori”.

L’appuntamento del 24 maggio si annuncia organizzato in maniera ancora più imponente, con il corteo che partirà da Piazzale della Vittoria alle 9, sfilerà per le vie del centro passando da Piazza Saffi e finirà al Parco Urbano, dove dal palco ci saranno interventi di studenti, professori universitari ed esperti, il tutto intervallato da musica. Si pranzerà insieme, grazie alla collaborazione della Collina dei Conigli che offrirà a prezzi calmierati e con materiali biodegradabili ed a basso impatto un pic nic eco-friendly.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.