E’ appena passato il Giro d’Italia e si torna subito a parlare di biciclette e ciclismo grazie alla settimana di Ride Riccione Week.

C’è una mobilità che sta cambiando, da nord a sud dell’Italia, una mobilità a emissioni zero, capace di ridurre lo smog e affrontare la sfida imposta dai cambiamenti climatici. Sempre più persone decidono di spostarsi in città con mezzi non inquinanti, in bicicletta o e-bike, con i mezzi pubblici a trazione elettrica o anche a piedi. Legambiente ha scelto la Ride Riccione Week per presentare l’anteprima del suo Giretto d’Italia 2019.

Il Giretto d’Italia è il Campionato nazionale della ciclabilità urbana che nel 2019 giungerà alla sua decima edizione. Si tratta di una sfida tra città italiane, ideata e organizzata da Legambiente, che si contendono il titolo di centro urbano più bike friendly, e che si svolgerà in una delle giornate della settimana europea della mobilità sostenibile, European Mobility Week, dal 16 al 22 settembre 2019. Il Giretto d’Italia è una gara amichevole tra città diverse nato con lo scopo di promuovere e monitorare gli spostamenti in bicicletta casa-lavoro o casa-scuola, diffondere la mobilità ciclistica al fine di ridurre traffico e smog e dunque creare le premesse per un concreto miglioramento della qualità della vita in ambito urbano.

Il comitato organizzatore della Ride Riccione Week ed il Comune di Riccione hanno accolto con grande piacere l’opportunità di questa partnership: Legambiente sarà ospite della Ride Riccione Week dal 9 al 16 giugno, esaminerà, attraverso un monitoraggio, la ciclabilità cittadina, e grazie ad una postazione all’interno del villaggio, farà conoscere le iniziative sul territorio nazionale legate alla mobilità attiva. Muoversi in bicicletta non solo è bello, ma fa bene alla salute ed all’economia della persona, della famiglia e della comunità. La mobilità sarà l’argomento cardine anche al Bike Economy Forum previsto per la giornata del 12 giugno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.