Blitz della Polizia contro le famiglie mafiose della provincia di Foggia: gli agenti delle squadre mobili di Foggia e Bari, dello Sco e dei reparti prevenzione crimine stanno eseguendo alcune decine di arresti nei confronti di soggetti appartenenti o legati ai clan operanti nel territorio di San Severo.

I provvedimenti, emessi dal gip di Bari su richiesta della Dda sono stati eseguiti in Puglia e nelle province di Milano, Rimini, Fermo, Ascoli Piceno, Campobasso, Pescara, Teramo, Napoli e Salerno. I destinatari del provvedimento sono accusati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, tentata estorsione, associazione finalizzata al traffico di droga, spaccio, danneggiamento, reati in materia di armi, lesioni personali e tentato omicidio, aggravati dalle finalità mafiose.

La Dda di Bari ha evidenziato il ruolo dei clan di San Severo nel traffico di droga nella Capitanata e la spartizione dei proventi illeciti ha creato tensioni tra i diversi gruppi malavitosi locali. Le indagini sono partite nel 2015 dopo alcuni episodi di sangue a San Severo e successivamente gli inquirenti hanno accertato il traffico di stupefacenti gestito dai gruppi criminali locali, compresi i relativi canali di approvvigionamento dall’estero.

I dettagli dell´operazione verranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà, alle 11,00 presso l’Aula del Consiglio Giudiziario della Corte d’Appello di Bari, alla presenza, tra gli altri, del Procuratore Nazionale Antimafia, dott. Federico Cafiero de Raho, del Procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, del Procuratore di Foggia Ludovico Vaccaro, del Direttore Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, Francesco Messina, del Direttore del Servizio Centrale Operativo, Fausto Lamparelli e del Questore di Foggia, Mario Della Cioppa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.