Non ce l’ha fatta Luca Petitti, il ragazzo di 28 anni colto da malore durante una partita a calcetto a Rimini, martedì 9 ottobre, attorno alle 21.30. Dopo sei giorni è morto oggi martedì 15 ottobre. Il giovane si era accasciato ed era intervenuta anche un’operatrice sanitaria che si trovava nella palestra, poi la corsa in ospedale. Dopo sei giorni di agonia Luca è morto. Gli organi sono stati donati.

Un ragazzo che lavorava e studiava e appassionato di sport. Cugino dell’assessore regionale Emma Petitti che ha lasciato un messaggio su Facebook: Hai lottato come un leone fino alla fine e accanto a te in questi giorni hanno lottato e sperato ogni istante i tuoi splendidi genitori Anna e Antonio, i tuoi fratelli Flavia e Giampiero, i parenti tutti e i tuoi amici, che non ti hanno abbandonato un solo giorno.
Ci hai donato coraggio e voglia di vivere. Grazie a tutti i medici e operatori sanitari che si sono presi cura di te, con professionalità e umanità. Grazie a chi ci è stato vicino. Conserveremo con noi per sempre il tuo bellissimo sorriso, la tua bontà, la tua generosità e intelligenza.Ti amiamo tanto”.

Le esequie saranno celebrate giovedì pomeriggio alle 15.30 alla chiesa della Riconciliazione in via della Fiera a Rimini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.