“La signora Luciana Garbuglia, sindaco Pd di San Mauro Pascoli – interviene il sottosegretario alla Giustizia Jacopo Morrone –  non ha semplicemente urtato la sensibilità di qualcuno, ma ha offeso le Istituzioni in quanto tali. Per questo ho già interessato il Prefetto perché venga valutata e verificata questa incresciosa vicenda che coinvolge un amministratore pubblico. Quella di Garbuglia non è stata una battuta di spirito, come ella stessa ha affermato cercando di sminuire le proprie responsabilità, ma un attacco politico di livello infimo. Una vicenda, quella innescata dal sindaco di San Mauro Pascoli, che seguirò di persona e che non finirà qui. Un amministratore pubblico non può permettersi di ingiuriare senza motivi e solo per odio ideologico un rappresentante del Governo. Se neppure i rappresentanti delle Istituzioni, come i sindaci, sanno stare al loro posto e essere d’esempio a tutti i cittadini, non possiamo poi lamentarci se il senso civico della comunità crolla. Non contenta, la signora Garbuglia ha aggravato l’offesa diffondendo per l’ennesima volta la bufala dei 49 milioni. A questo punto siamo convinti che il sindaco di San Mauro Pascoli non sia la persona più idonea a ricoprire quella carica. La popolazione di quella località merita certamente amministratori di ben altra caratura”.
Lo ha dichiarato in una nota l’on. Jacopo Morrone, sottosegretario alla Giustizia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.